Richiede asilo politico a Brescia, ma era già stato espulso due volte

0
Bsnews whatsapp

Nell’ambito del dispositivo Mare Nostrum, la Questura di Brescia è impegnata direttamente per fronteggiare l’afflusso di profughi in Provincia. Le attività condotte riguardano la compartecipazione alle primarie operazioni di assistenza e soccorso, l’istruzione dell’iter amministrativo ai fini del riconoscimento dello status di protezione internazionale e l’attività di contrasto a forme elusive delle norme in materia di immigrazione.

Nei mesi scorsi è stato sottoscritto un accordo tra Comuni, Province, Regioni e Stato per condividere e coordinare l’accoglienza sull’intero territorio nazionale dei profughi provenienti dalla Libia. L’accordo prevede che i profughi vengano accolti sull’intero territorio nazionale, suddividendoli nelle Regioni secondo criteri di equità.

I migranti giungono da strutture di prima accoglienza ubicate nei territori di sbarco, già con una preliminare identificazione effettuata dalle Autorità di Pubblica Sicurezza. Giunti a destinazione, questa procedura deve essere completata a cura delle Questure locali, che procedono anche all’avvio del procedimento di richiesta di asilo. In tal modo viene rilasciato un documento provvisorio utile per poter circolare e soddisfare i bisogni quotidiani.

Nondimeno, l’attività di prevenzione e controllo dell’Ufficio Immigrazione ha registrato l’arresto obbligatorio in flagranza di un cittadino nigeriano. Lo straniero, proveniente dalla Libia, è sbarcato a Lampedusa ed è stato quindi fotosegnalato dalla Questura di Agrigento per “richiesta di asilo politico”.

In data 31 luglio, l’uomo, unitamente ad altri 19 cittadini stranieri, è stato trasferito nella Provincia di Brescia e domiciliato presso le strutture d’accoglienza, in attesa degli adempimenti atti ad avviare l’iter amministrativo per la richiesta di protezione internazionale.

A seguito degli accertamenti condotti dal locale Ufficio Immigrazione è emerso che l’uomo è già stato fotosegnalato in Italia con un nome di battesimo differente e nei suoi confronti era già stata respinta una richiesta di protezione internazionale da parte della Commissione Territoriale, sono stati emessi due decreti di espulsione, entrambi dalla Questura di Ferrara, datati il primo novembre 2011 ed il secondo aprile 2013.

A seguito del secondo decreto lo straniero era stato accompagnato presso la frontiera aerea dell’aeroporto di Malpensa ed imbarcato per la Nigeria. Vista la violazione della normativa sull’immigrazione, non essendo ancora trascorso il tempo necessario per il reingresso, E.P. è stato tratto in arresto ai sensi dell’art. 13, comma 13 del d. lgs. 286 del 1998. Condannato ad otto mesi di reclusione, la pena è stata sospesa in vista del suo nuovo allontanamento dal Territorio Nazionale che avverrà nei prossimi giorni.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Su Facebook leggo lo sfogo di un extracomunitario che scrive: Spendo 300,00€ per il permesso di soggiorno, e con questo mio contributo,mi tocca pagare le pensioni agli Italiani.Sono indignato dallo scritto di questa persona ignorante. Il sottoscritto ha lavorato x 40 anni, versando contributi,e ogni mese hò trattenute x €300,00,che venga a trovarmi il comunitario, che gli ricorderò il colore delle Sue origini……. x la cronaca si chiama( David Wussoun……e mi fermo x praivsy

  2. poteva restarsene a casa sua se voleva,ho ha avuto una prescrizione medica?gia espulso due volte e ritorna,altro fallimento di mafre norstrum e della politica avanti c’e’ posto

  3. contrario all’allontanamento … un piccone e un badile e via alle cave di Botticino fino a ripagare le risorse pubbliche impiegate nell’indentificazion e ed bis-espulsione

  4. "Condannato ad otto mesi di reclusione, la pena è stata sospesa in vista del suo nuovo allontanamento dal Territorio Nazionale che avverrà nei prossimi giorni". sì, se lo trovano… questo ci mette un secondo, cambia nome, si sceglie un’altra provincia e ricomincia tutto daccapo…

  5. e quanti altri ce ne sono ?? allontanamento dal suolo italiano ? ma se è un colabrodo ? li mandi via da una parte e rientrano dall’altra …fà comodo stare in italia , unico paese europeo , dove tutto è possibile e permesso …… e l’italia affonda intanto .

RISPONDI