Degrado nella stazione di Brescia, Rolfi (Lega): “Rivalutare idea tornelli”

0

In relazione alla situazione di profondo degrado ed incuria che sta vivendo la stazione di Brescia come testimoniato da diversi articoli di stampa è intervenuto il consigliere regionale Fabio Rolfi ricordando che “a settembre in stazione centrale a Milano le autorità ferroviarie riposizioneranno le transenne all’altezza dei binari per impedire l’afflusso a nomadi e perditempo vari impegnati a molestare utenti e compiere ruberie di ogni tipo. Una misura eccezionale, attuata anche in passato, che da il segno della situazione di degrado a cui siamo arrivati” ha commentato il consigliere regionale leghista. “La situazione della stazione ferroviaria bresciana non è molto diversa da quella milanese ed è assurdo che ciò avvenga a meno di un anno da un appuntamento di cui tutti parlano, Expo, ma che evidentemente non può trovare la città, ed il suo principale punto di approdo, in questo stato di incuria e insicurezza a fronte dei turisti che speriamo vengano a visitare la nostra comunità” ha proseguito l’ex vice sindaco evidenziando come la situazione sia drasticamente peggiorata nell’ultimo anno. “La riduzione dei servizi di polizia quotidiani, la cancellazione del posto di polizia locale, l’assenza di qualsiasi iniziativa volta a rendere più frequentata ed apprezzata la zona, ha favorito il consolidarsi del degrado, di sacche di emarginazione e miseria nelle quali inevitabilmente imperversa anche la delinquenza, tutto si traduce in una minor vivibilità della zona ed un peggior servizio pubblico agli utenti.”

Rolfi rilancia pertanto l’idea avanzata tempo fa di “studiare, come già fatto ad esempio in Cadorna, l’attivazione di sistemi di accesso ai binari solamente per chi è munito di titolo di viaggio, i così detti “tornelli”, al fine di impedire l’utilizzo della stazione a chi non ne ha motivo. Se si fa già in Cadorna non è una bestemmia pensarlo, in forma adattabile per Brescia, anche per la nostra stazione, sfruttando anche l’avvento dell’alta velocità e quindi la possibilità non solo di un abbellimento generico della stazione ma anche di una sua effettiva messa in sicurezza.” In tal senso il consigliere della Lega Nord ricorda anche la necessità di provvedere alla chiusura notturna della stazione dopo l’ultimo treno “che impedirebbe l’ingesso a senza fissa dimora e malintenzionati vari, progetto avanzato dalla scorsa amministrazione insieme ai tanti realizzati per la zona (penso ad esempio alla videosorveglianza) ma rimasto al palo da un anno, tant’è che la stazione è sempre aperta, senza motivo, a qualsiasi ora della notte cosa che vanifica il lavoro forze dell’ordine.”

 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. I nostri politici si preoccupano di fare bella figura all expo ma rendre le citta' piu' vivivibili vuole dire anche dare il buono esempio in primis partendo proprio da molti di loro, il vero degrado purtroppo viene da loro

  2. già alle sette del mattino si è infastiditi da una serie di questuanti rigorosamente non italiani, si arriva sui binari e si assiste allo schifo dei treni deturpati dai graffitari vandali. Arrivando a Milano ci sono i facchini abusivi che cercano di fregare i bagagli ai turisti. E’ la dimostrazione di come ci siano ridotti permettendo tutto a tutti.. Rolfi conosce bene la situazione perchè lo vedo spesso prendere il treno per Milano, a qualcuno da’ fastidio solo perchè è della Lega.

  3. Lega o no chi cavalca il problems dell immigrazione clandestina e non per raccimolare voti, cavalcando il malcontento della gente per prendersi le poltroncine a me fa ribrezzo tanto quanto il degrado nelle stazioni, risolvessero poi i pronlemi ma sfruttano il momentomper farsi belli…

LEAVE A REPLY