Tre ore di lavoro per recuperare escursionista caduto sul Gugliemo: è in prognosi riservata

0

L’eliambulanza dell’Ospedale Civile era bloccata, quelle di Bergamo e Sondrio, le più vicine al luogo dell’incidente, già impegnate in altri due interventi: ieri pomeriggio il recupero di un escursionista caduto lungo i sentieri del Gugliemo si è rivelato un’operazione alquanto complicata per i tanti uomini impegnati nel soccorso.

L’allarme è stato lanciato intorno alle 13:30 quando l’escursionista è scivolato in località Passabocche, a Pisogne, rimanendo ferito in modo grave soprattutto per i traumi alla schiena. Una volta che gli uomini del soccorso alpino sono giunti sul posto è stato chiaro che la discesa a valle non sarebbe potuta avvenire tramite la barella trasportata a mano, così il ferito ha dovuto attendere l’arrivo dell’elicottero del Civile che si è messo in volo solo verso le 16. 

Una volta giunto al nosocomio, il ferito è stato sottoposto ad accertamenti radiologici: i medici si sono riservati la prognosi a causa dei forti traumi riportati alla schiena.
(a.c.)

Comments

comments

1 COMMENT

  1. ..e stare tranquillo a casa sul divano , no ?
    capisco l’infortunio , ma come era atterzzato per andare in montagna ? scarpette da ginnastica ? infradito ? ….spesso questi incidenti accadono per la superficialità con la quale si affronta la montagna , il guglielmo non è una cima particolarmente ardua , ma se uno si avventura su sentieri che sono nal messi per le continue pooggie , succede che ci si fa male se non si ha una attrezzatura specifica, un buon paio di scarpù e un bastone .
    da es alpino del 5 btg , ho prestato servizio anche alla ex caserma tonolini suà al passo tonale .
    di soccorsi ne ho fatti parecchi, ma al 90% dovuti alla assoluta impreparazione e inadeguatezza delle attrezzature …un esempio, due romani con infradito a metà ghiacciao presena, era estate va bene , ma poi a scendere sul ghiccio vivo come fai ? chiami il socorso alpino… e poi lo paghi !
    si, moltinon lo sanno , ti recuperano certo , ma poi ti arriva il conticn a casa !!!!!!

  2. Ha i perfettamente ragione caro alpino impreparazione superficialità incoscienza e poco rispetto quanti incidenti quest’anno dovuti a questo ne abbiamo sentito troppi la montagna non perdona gente caduta persa che si addentra in percorsi senza valutarne il rischio ma fa parte dell’imbeccilita e purtroppo l’Italia ne è piena il nostr e un territorio a rischio sai cosa c’è che chi va a salvarli mette a propio rischi la sua vita molte volte lo so che è doveroso ma una bella lavata di capo ?

LEAVE A REPLY