Profughi, la Lega chiede trasparenza alla Prefettura sulle spese di accoglimento

12
Bsnews whatsapp

Una petizione promossa dal Movimento Giovani Padani per chiedere “trasparenza” sulle spese sostenute dalla Prefettura per l’accoglimento dei profughi, un secco “niet” agli accoglimenti “imposti” dal Prefetto e la massima trasparenza sui bilanci delle cooperative che accoglieranno i profughi. Così la Lega Nord della provincia di Brescia si prepara a scendere in campo per contrastare l’ennesima ondata di arrivi nel bresciano. Così, mentre Marcello Sanfelici coordinatore del movimento Giovani Padani ha annunciato la raccolta firme per chiedere la massima trasparenza sulle spese di Mare Nostrum a Brescia, il segretario provinciale Paolo Formentini non usa mezze misure nel criticare il metodo usato dal Governo e dalla Prefettura nel gestire l’emergenza profughi. “Malgrado le smentite dell’ultima ora – ha sottolineato Formentini – nella circolare arrivata da palazzo Broletto ai Nostri Sindaci le parole sono chiare e le cito testualmente: “La situazione potrebbe costringere già nell’immediato ad adottare requisizioni d’urgenza di idonee strutture presenti sul territorio”. Penso che davanti a questo documento ci siano poche parole da aggiungere.

Il Prefetto ad Agosto aveva chiesto un confronto con gli amministratori sulla questione profughi e la delegazione dei Sindaci della Lega Nord aveva espresso assoluta contrarietà all’invio dei “profughi”. E malgrado il caso bresciano sia arrivato anche in parlamento con l’interrogazione di Stefano Borghesi sulla caserma Serini di Montichiari, “in Prefettura si è continuato ad ignorare il sentimento del territorio”. Non solo. Formentini va oltre: “In un momento di crisi questi clandestini sono un costo e non una risorsa per i bresciani.  Non è solo una questione di ordine pubblico o sanitaria ma economica. La Lega sta pensando di promuovere una mozione in tutti i consigli comunali della provincia per chiedere maggiore rispetto della amministrazioni locali e per rendere obbligatorio il consenso dei sindaci all’insediamento dei profughi”.

Del resto lo Stato assegna alle cooperative che vincono il bando, fra loro anche la Caritas, 35 euro al giorno per profugo per coprire i costi dell’igiene, dei pasti, dei vestiti e delle ricariche telefoniche. La Lega Nord auspica che le cooperative pubblichino il bilancio di questa attività, per offrire massima trasparenza ai cittadini che pagano le tasse. Rincara la dose il Sindaco di Verolanuova e responsabile provinciale enti locali della Lega Nord, Stefano Dotti che esprime sconcerto per questa ennesima missiva della Prefettura.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

12 COMMENTI

  1. Se é cosí redditizio ospitare questi disperati perché i Comuni non ci si buttano come pesci? Basta un paio di appartamenti e due giovani a part-time. Sai che guadagni?

  2. Non avendo niente da fare, inizieranno a vagabondare cercando soldi, piazzandosi davanti a negozi e parcheggi. Qualcuno più intraprendente inizierà a rubare e spacciare, tanto l’espulsione rimane sempre sulla carta. L’unico sistema per controllarli è il lavoro obbligatorio gratuito che ripaghi la comunità dei costi che sostiene per l’accoglienza.

  3. se fossero delle municipalizzate ad occuparsene finirebbero inevitabilmente in rosso,ma,se guardi al di fuori di quelli vedi,che il guadagno c’e’,altrimenti non si spiega perché tanti enti privati siano disponibili……… ……..

  4. Vorremmo trasparenza anche sull’appannaggio di Bossi. É vero che la Lega gli riconosce 800mila euro all’anno? Con quei soldi si mantengono una sessantina di profughi per un anno.

  5. Poveretto il coccolaimmigrati è disperato: non sa più cosa inventarsi per difendere l’invasione dei suoi fratelli migranti….vieni su facebook a vedere quanto è contenta la gente dell’arrivo dei tuoi amici clandestini, vieni vieni….

  6. Tanto peggio, tanto meglio caro coccolaimmigrati: più clandestini neri grandi e grossi mantenuti negli hotel a 4 stelle per anni senza far niente con tanto di paghetta, più italiani si svegliano, si incazzano e agiscono di conseguenza e non parlo di una crocetta su una scheda elettorale…..

  7. Lecito chiedere la massima trasparenza: chi intasca questi soldi? Come li spende? I Comuni sono in mutande e la prefettura scarica tutti gli oneri sugli enti locali..

  8. Vorremmo avere chiarezza anche dei soldi spesi dalla Lega quando ha mandato centinaia di rifugiati in hotel in montagna in Val Camonica. A chi sono andati i soldi?

  9. La cosa pazzesca è trovare difensori di questa politica demenziale e pseudo sindaci che addirittura sono convinti che si creino posti di lavoro. E quanti posti di lavoro avete distrutto continuando a massacrare di tasse le aziende e le famiglie per recuperare i soldi per mantenere questi qua? Cari signori prima di parlare di economia bisogna capirne!!! Quindi voi state zitti!

RISPONDI