Il sindaco Del Bono oggi su Facebook parla dei piloti caduti e di A2A

0

Tutti i giorni (o quasi) alle 14 Bsnews.it vi propone l’aggiornamento su cosa il sindaco di Brescia Emilio Del Bono sta postando, commentando e divulgando su Facebook…

Al ritorno dai funerali dei 4 avieri morti lo scorso 19 agosto durante un’esercitazione nei cieli marchigiani, Del Bono gli ha affidato un ultimo saluto virtuale: “Ieri e oggi a Ghedi. Grande dolore e grande orgoglio di appartenenza. Giorni che lasciano indelebile ricordo. Onore ai caduti”. Poi, dopo aver annunciato l’incontro odierno con il sindaco della città di Betlemme, Vera Baboun, che alle 18 in Loggia sarà ospite di un dibattito sulla vita e la speranza a Betlemme, il sindaco ha condiviso il progetto “Segni sull’acqua” presentato ieri dall’assessore Gianluigi Fondra e riguardante il futuro del Parco delle Cave.

Quasi fosse ormai un’abitudine, anche questa mattina un paio di “amici” vituali di Del Bono hanno incollato messaggi e immagini sulla sua bacheca per denunciare i propri piccoli disagi quotidiani. Il primo è quello di una giovane donna che afferma di aver pagato il posteggio ma di non aver ricevuto il biglietto dalla macchinetta. A quel punto ha pensato di lasciare un messaggio sul parabrezza dell’auto per informare l’eventuale vigile accertatore del disguido, per poi rivolgersi al sindaco: “Mi daranno la multa? Ho chiamato il numero verde ma non mi sono stati d’aiuto. Grazie”.

Il secondo sfogo arriva da un un commerciante bresciano che, proprio questa mattina si è trovato a dover fare i conti con un disservizio da parte di A2A. Ecco il testo integrale: “Questa mattina apro il negozio tutto bene. Esco e ritorno scoprendo di non avere l’energia elettrica: tutto bloccato allarme, computer, ecc. cerco di entrare nel sito A2A energia con i miei codici ma non ci si riesce.
Telefono al numero indicato per cellulare e mi risponde il sig. Andrea, estremamente cortese e collaborativo, mi spiega che c’è stato il distacco dell’energia per bollette non pagate. Scopriamo che l’addebito bancario non è corretto: si badi bene che mi ero recato personalmente in A2A a modificare la banca di addebito – racconta il commerciante – Effettuo immediatamente il Bonifico di pagamento con il tablet che, dal sito della banca non mi consente di salvare o stampare, avendo per altro la stampante bloccata mancando l’elettricità. Richiamo A2A e chiedo di poter fornire il CRO dell’avvenuto pagamento non essendo nella possibilità di inviare alcun fax… Non accettano questa modalità di comunicazione ma vogliono solo il cartaceo. Chiamo allora la mia banca che, per cortesia, invia la contabile dell’avvenuto pagamento. Richiamo A2A per dire che ho effettuato il bonifico, ma sul loro circuito il fax della banca non è ancora arrivato… Devo richiamare più tardi perché la Banca, avendo un server centrale di invio, non è immediata nella spedizione.
Ora è mai possibile che una ditta per un debito, di poche centinaia di euro, tra l’altro senza aver ricevuto alcuna comunicazione si trovi bloccata? Per parte mia informato del disguido ho provveduto immediatamente, dicasi immediatamente. Non è possibile che gente che prende centinaia di migliaia di euro di stipendio da noi cittadini non abbia l’intelligenza di avere una catena di comando che si renda conto dei danni che causa per procedure inadeguate?
Cari amministratori comunali pagateli almeno come un semplice dipendente che se non fa troppo almeno non costa nemmeno troppo!”. Sfogo a cui ha immediatamente fatto seguito quello di un altro utente, che racconta di essersi trovato nelle medesime condizioni “per ben due volte”.  

Comments

comments

LEAVE A REPLY