Profughi, Rolfi (Ln): “Minacce inaccettabili, i sindaci si ribellino alle imposizioni del Prefetto”

24

“Sacrosanta la presa di posizione dei sindaci bresciani, di diverso colore politico, in cui si nega ogni tipo di disponibilità ad accogliere i clandestini che il Governo Renzi-Alfano, tramite il Prefetto, vorrebbe collocare in territorio bresciano.” Così Fabio Rolfi, vice capogruppo della Lega Nord in Regione Lombardia in risposta alle dichiarazioni del Prefetto di Brescia.

“Di fronte al tenore delle minacce espresse nella giornata odierna – prosegue l’esponente bresciano del Carroccio – è necessaria una vera e propria ribellione istituzionale. Roma deve capire che non può disporre delle comunità locali a proprio uso e consumo, infischiandosene del volere dei cittadini e facendo carta straccia della democrazia.  È bene che ribadire infatti che i sindaci non sono dipendenti del Prefetto di turno e certamente non devono mettersi sull’attenti appena chiamati. La verità è che i clandestini, una volta sistemati a spese nostre, resteranno sul territorio, generando costi enormi per i comuni accoglienti, ottenendo i soliti ricongiungimenti famigliari e avanzando sempre maggiori pretese e diritti. Inutile girarci intorno, non c’è più posto per altri immigrati a Brescia e i sindaci lo molto sanno bene, a differenza di chi vive chiuso nei lussuosi uffici dorati della prefettura.” “Gli atti minacciati dal prefetto di Brescia, benché previsti dalla legge, rappresentano un’eredità di decenni passati, un retaggio autoritario di uno Stato non liberale e autarchico, dove il cittadino non è concepito come tale ma alla stregua di un suddito, un’idea di istituzioni che non accettiamo – chiosa Fabio Rolfi – e che contrasteremo dando il massimo supporto possibile a tutti i sindaci che intendo ribellarsi.”

Comments

comments

24 COMMENTS

  1. Pur non avendo mai votato per la Lega Nord, sottoscrivo dalla prima all’ultima parola. Mio padre prende 1.000 euro al mese di pensione, ne deve pagare 200 euro al mese per le cure mediche e questi li manteniamo gratis. Sono contento che quasi tutti i SINDACI BRESCIANI si siano opposti al Prefetto.

  2. Adesso basta! Prima gli italiani, ci stiamo svenando per mantenere questa gente; non è più possibile continuare così. Basta! Basta! Questi hanno diritto a tutto e tante famiglie bresciane mangiano pane e latte o pasta in bianco tutti i giorni, perché non arrivano a fine mese. Se continua così prima o poi qualcosa succederà perché gli italiani ne hanno veramente piene le tasche.

  3. Perché Maroni cos’ha fatto con l’ondata dei profughi del 2012? Li ha piazzati negli hotel della Val Camonica, a centinaia. Allora andava bene, invece adesso…. più facile parlare che fare.

  4. Abolire le prefetture subito! i signori prefetti se li prendano in casa propria clandestini nigeriani se gli piacciono tanto. E soprattutto li mantengano con i loro soldi.

  5. inutile prendersela con chi applicando le leggi svolge il proprio lavoro, occorre modificare le leggi. …dove eravate negli ultimi 25 anni?

  6. Appunto, bisogna modificare le leggi, ma chi al governo può modificare le leggi sull’immigrazione?
    Le leggi sulle pensioni le hanno modificate da un giorno all’altro mettendo in croce, lavoratori onesti, ma se si parla di rifugiati si mettono di mezzo subito CGIL, Caritas, Unchr, ecc. e bloccano tutto di sicuro!

  7. Sia chiaro che i sindaci che si accolleranno sul groppone questi clandestini saranno dei traditori dei propri comuni e dei loro concittadini.

  8. Chi ha votato il sindaco pd o chi non è andato a votare permettendo che vincesse il pd(magari mascherato da lista civica come succede il 90% delle volte) stia zitto e ingoi tutti questi bei centrafricani a zonzo per il suo paesino, belli pasciuti con tanto di paghetta.

  9. con questo prefetto state tranquilli che arriveranno almeno altri 1000 immigrati , tanti ne puo’ ospitare la ex caserma Papa e Ottaviani.

  10. Hanno fatto finta di abolire le provincie(che ci sono ancora tutte), ma le prefetture non le hanno toccate: gli servivano per sistemare i clandestini pensando di mettere in piedi in testa alla gente. Presto o tardi gli italiani perderanno la pazienza.

LEAVE A REPLY