La Loggia aderisce alla Rete antidiscriminazioni: il plauso dell’Arcigay Orlando

0

La lunga strada che ha portato alla nascita di Ready, la Rete nazionale delle pubbliche amministrazioni anti discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere, è partita dalle città di Roma e Torino nel 2006. I comuni aderenti sono già 51, 11 le province: a questi si è aggiunta anche Brescia, e Arcigay Orlando esprime profonda soddisfazione per la decisione maturata all’interno della Commissione Pari Opportunità dove, all’unanimità, stata presa la decisione di entrare in Ready.

Federico Marchiori, presidente di Arcigay Orlando, tramite un comunicato ha voluto ringraziare l’Amministrazione Comunale per il provvedimento, definito «una scelta di civiltà che può arricchire l’intera cittadinanza». L’auspicio è quello di mettere in campo un forte impegno da parte di tutti, perché solo una comunità attenta al rispetto e alla inclusione delle minoranze può davvero dirsi civile e democratica: «La decisione della Giunta Del Bono avviene a seguito di una delibera di indirizzo approvata all’unanimità dalla commissione Pari Opportunità, che andava in tale direzione e cogliamo l’occasione per ringraziare le componenti la commissione per la disponibilità ed il lavoro svolto. Da oggi le persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali della nostra città potranno contare su un’Amministrazione amica, attenta ai loro bisogni e necessità in quell’ottica fondamentale tracciata dalla nostra Costituzione di rimozione di tutti quegli ostacoli che impediscono la piena eguaglianza di tutti i cittadini e la piena realizzazione della loro personalità».

Il prossimo passo? Per il coordinamento «Nuove famiglie uguali diritti» è il riconoscimento dei diritti alle famiglie basate su vincolo affettivo e non sul matrimonio, argomento di cui si parla ormai da un anno e che più volte ha creato discussioni all’interno della maggioranza.
(a.c.)

Comments

comments

LEAVE A REPLY