Strade sul Garda, Cominelli (Pd): sono inadeguate, serve urgente soluzione

0

La deputata del Pd Miriam Cominelli ha presentato un’interrogazione parlamentare al Ministro delle Infrastrutture Lupi in merito alle strade sul Lago di Garda, ritenute inadeguate a gestire il traffico. “L’estate appena trascorsa potrebbe essere definita come l’annus horribilis per il traffico sulla gardesana. Cantieri aperti senza preavviso, impianti semaforici lungo le gallerie continuamente fuori uso, code infinite, caos e ritardi, turisti imbufaliti, residenti sdegnati, operatori in difficoltà. Un pessimo biglietto da visita per una delle località turistiche più famose e frequentate del nostro paese, un disagio costante per gli abitanti della zona. E’ arrivato il momento di porre rimedio a questa grave situazione e ripensare in modo complessivo la viabilità di tutta la zona del Lago di Garda. Per questo motivo, anche venendo incontro alle richieste di aiuto che arrivano dal territorio, comprese le segnalazioni del circolo del PD di Tignale,  proprio oggi ho presentato un’interrogazione al Ministro Lupi per di mettere in campo una serie di interventi indispensabili per venire incontro alle esigenze di un territorio che ha puntato sul pregio delle sue bellezze naturalistiche come asset per creare occupazione e far crescere l’economia, attualmente minati da infrastrutture stradali del tutto inadeguate alle esigenze odierne”, è quanto annuncia Miriam Cominelli, deputata bresciana del PD, membro della commissione Ambiente della Camera.

 

Una delle situazioni di maggiore criticità, si spiega nell’interrogazione, riguarda la strada statale Gardesana Occidentale 45 bis, nel tratto Gagnano-Tignale. La strada statale passa infatti per numerose gallerie, alcune delle quali  sono troppo strette per il passaggio a due sensi di camion o di autobus, nel corso degli anni sono state ipotizzate varie soluzioni, l’ultima delle quali, predisposta dall’Anas, ha previsto l’installazione di un semaforo che alterna il traffico nelle due direzioni di marcia. Questa soluzione tuttavia, presenta molte controindicazioni, perché genera lunghissime code di veicoli sulla statale 45, accresciute dai frequenti guasti occorsi ai semafori. Quella di Tignale, tuttavia, è solo uno dei casi più gravi di una situazione di disagio ben più complessiva in quanto la viabilità della 45 bis incide su tutti i comuni dell’ Alto Garda come Limone, Tremosine, Gargnano. E anche Salò e Riva risentono di questo problema.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Basta guardare le gallerie e la strada oltre Limone: basta che la Lombardia abbia uno statuto autonomo come il Trentino. Basta che il PD voti conseguentemente in consiglio regionale, e che il governo PD non si opponga. Basta basta basta …..ma tanto sono parole vuote che non valgono nemmeno la carta su cui è scritta l’interrogazione.

LEAVE A REPLY