Lombardia chiede un referendum contro liberalizzazione selvaggia degli orari, Rolfi (LN): “Restituiamo la domenica ai lavoratori”

0
Bsnews whatsapp

Un referendum nazionale per abolire la liberalizzazione selvaggia degli orari e “restituire la domenica” ai lavoratori del commercio. E’ la richiesta che oggi il Consiglio Regionale ha approvato a grande maggioranza, facendo della Lombardia la terza regione italiana, dopo Veneto e Molise, ad aver dato il via libera a questo provvedimento.  (Anche altre Regioni avevano deliberato a favore di questo referendum, ma il loro voto non può considerarsi utile ai fini della consultazione referendaria a causa del decorso dei tempi previsti.)

 “Ora – spiega il vicecapogruppo della Lega Nord, Fabio Rolfi  – è necessario il voto di ulteriori 2 Regioni per approdare all’indizione di un referendum abrogativo nazionale. Abbiamo deciso di mettere in forte evidenza le conseguenze negative della totale liberalizzazione degli orari degli esercizi commerciali, introdotta dal governo Monti. Una deregulation che ha finito per discriminare i piccoli commercianti e le imprese familiari, poste in condizioni di inferiorità rispetto alla grande distribuzione, per la quale l’apertura domenicale non rappresenta un problema. Non va dimenticato inoltre che il commercio al dettaglio sta vivendo un pessimo momento, a causa della crisi economica e di una pressione fiscale ormai insostenibile.”   “L’abolizione delle norme introdotte dal governo centrale – prosegue Rolfi – permetterebbe inoltre a tanti lavoratori di riappropriarsi della domenica quale giorno dedicato al riposo, alla famiglia, al rispetto delle feste religiose e civili.” “Quanti di coloro – si domanda Rolfi – che di domenica si recano in un centro commerciale hanno la reale esigenza di fare acquisti? Certamente pochi rispetto al totale e personalmente ritengo che una passeggiata in uno dei nostri magnifici centri storici abbia ancora molto più da dirci, anche sotto il profilo delle relazioni sociali, rispetto a una giornata trascorsa in un anonimo ipermercato.”

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Torniamo ad essere uomini con sentimenti, emozioni, affetti e religiosita' e smettiamo di essere macchine per fare e spendere soldi! La fuori c'e' anche la famiglia, la natura e la cultura che ci aspettano. La domenica festiva per tutti ci aiutera' a renderci piu' felici e ci accorgeremo cosa stavamo perdendo. Bene, avanti per questa strada!

  2. CARA EIKA, SE LA SUA ATTIVITA’ SI BASA SUI CLIENTI DOMENICALI, MI DIA RETTA, CHIUDA. LA MIA FAMIGLIA HA SEMPRE AVUTO ATTIVITA’ COMMERCIALI,D’ ALIMENTARI ANCHE , E QUANDO LA DOMENICA I MIEI GENITORI RESTAVANO A CASA CON ME, NON ABBIAMO MAI VISTO NOSTRI CLIENTI MORIRE DI FAME. LA SPESA LA SI FACEVA IL SABATO, GIORNO D’ INCASSI PIU’ ALTI, O IN ALTRI GIORNI DELLA SETTIMANA E LA SERA SI CHIUDEVA ALLE 20.00. ADESSO NON DITE CHE DAL LUNEDI AL SABATO, CON ORARI D’ APERTURA 7.30-12.30 E 15.00-20.00, NON SI ABBIA IL TEMPO D’ ANDARE A FARE LE SPESE DI QUALUNQUE TIPO SIANO, ANCHE I MOBILI PER LA CUCINA.

RISPONDI