Mercato di Piazza Loggia, tre venditori multati e scoperti 10 lavoratori in nero

0

Tre venditori ambulanti multati e 10 lavoratori in nero identificati. Questi i risultati dell’operazione di controllo del mercato di Piazza della Loggia messa in campo dalla Polizia Locale di Brescia sabato 4 ottobre.

Nel corso della mattinata, dalle 9 alle 12, gli agenti del Nucleo di Polizia Commerciale, del Nucleo di Polizia Giudiziaria, il personale del distaccamento del centro storico e quattro funzionari dell’Inps di Brescia hanno ispezionato i banchi di vendita del mercato settimanale di Piazza della Loggia per verificare che fossero rispettati regolamenti e leggi.

In Largo Formentone è stato sanzionato un venditore di origine pakistana, gestore di una bancarella di abbigliamento. Assieme all’uomo lavoravano infatti altri tre pakistani, privi di documenti personali e la cui posizione lavorativa è risultata irregolare. I tre sono stati quindi accompagnati al Comando di via Donegani per il loro foto segnalamento. Stessa sorte è toccata, sempre in Largo Formentone, a un commerciante cinese, alle cui dipendenze stavano lavorando abusivamente cinque connazionali. Il personale dell’Inps è intervenuto e ha multato il datore di lavoro. Infine, gli agenti hanno controllato una bancarella in Piazza Loggia e hanno scoperto che il gestore, originario del Bangladesh, stava impiegando due connazionali non in regola. Anche per lui è scattata la multa.

 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Tutti i giornaloni e le tv in questi giorni comunicano con felicità che aumentano le imprese gestite da stranieri extracomunitari (attenzione non UE,USA, Svizzera, ecc)….peccato non dicano a distanza di un anno se e quanto hanno versato di imposte, iva, irap, inps, inail, tri, tasi …..ecc a volte non pagano energia eletrica, acqua, gas, i fornitori …infatti ormai merce solo in cambio di soldi immediati…con tutto quello che ciò comporta. E poi creano ricchezza….mmmmm posso non crederci?

  2. É di oggi la notizia che decine di agricoltori disonesti dovranno pagare milioni di euro di multa per le quote latte. Disonesti rispetto alla stragrande maggioranza degli allevatori onesti che hanno rispettato le regole. L’onesta non é etnica, ma dipende dalla possibilità di farla franca.

LEAVE A REPLY