Segni sull’acqua: venerdì 10 l’inaugurazione della mostra-laboratorio sulle cave

0
Bsnews whatsapp

Dopo la conclusione della fase conoscitiva e di raccolta della documentazione sullo stato dell’arte dell’area delle cave del Comune di Brescia, il processo partecipativo “Segni sull’acqua” entra nella fase di progettazione vera e propria, con l’avvio delle attività di coinvolgimento dei cittadini, per delineare il futuro del Parco delle Cave.

Venerdì 10 ottobre alle 17.30 presso le sale dell’Urban Center, in via San Martino della Battaglia 18, inaugura la Mostra-Laboratorio “Segni sull’Acqua”, nella quale saranno esposti elaborati grafici, documenti e fotografie dedicati ai temi ambientali, naturalistici e urbanistici del territorio. Sarà proiettato un video di presentazione dei siti e saranno illustrate le proposte e i contributi pervenuti dai diversi portatori di interesse. Inoltre saranno presentati i materiali utili (mappe, carte e pennarelli) affinché ogni visitatore possa portare il proprio contributo.

A seguire, nella stessa sede, a partire dalle 18.30, si svolgerà l’assemblea cittadina alla quale interverranno il sindaco Emilio Del Bono, l’assessore all’Urbanistica e pianificazione per lo sviluppo sostenibile Michela Tiboni, l’assessore all’Ambiente, verde, cave e protezione civile Gianluigi Fondra, il consigliere incaricato per il Parco delle cave Fabio Capra, l’assessore alla Rigenerazione urbana e politiche per una città sicura Valter Muchetti, il responsabile del settore verde cave e parchi Benedetto Rebecchi, il responsabile del settore urbanistica Gianpiero Ribolla, la referente dell’Urban Center Elena Pivato, i professionisti incaricati del progetto partecipato, Cristina Imbrò e Stefano Staro, lo staff organizzativo di “Segni sull’acqua”, oltre ai rappresentanti delle associazioni e degli organismi aderenti. In serata alle 20.30 nel teatro parrocchiale di Buffalora avrà luogo invece l’assemblea cittadina di presentazione dell’iniziativa “Il parco delle cave – Dalle parole ai fatti. Dalle idee alla progettazione partecipata”, organizzata dal Circolo Acli e dal Codisa di Buffalora. Al dibattito sono stati invitati il sindaco Del Bono, gli assessori Fondra e Tiboni, il consigliere delegato al Parco delle Cave, Capra.

Il giorno successivo, sabato 11 ottobre, a partire dalle 15, è prevista un’escursione nei siti del progetto, suddivisa in due percorsi alternativi. Il primo percorso,  da compiere a piedi, consentirà di esplorare le sponde del laghetto "ex Nuova Beton". Punto di ritrovo e partenza alle 15  presso il parcheggio della Discoteca Paradiso, che la proprietà metterà a disposizione dei cittadini. La lunghezza complessiva del percorso è di circa 4 km. Grado di difficoltà basso.

Il secondo percorso, da effettuare in bicicletta, si snoderà attraverso le campagne e le strade che circondano il sistema dei laghi di cava. Punto di ritrovo e partenza alle 15 presso il piazzale della fermata del metrobus Sant’Eufemia-Buffalora, dove l’assessore alla Mobilità e servizi istituzionali, Federico Manzoni, metterà a disposizione circa 20 biciclette. La lunghezza complessiva del percorso è  di circa 14 km.

I due tragitti si svolgeranno sotto la guida e l’assistenza degli esperti dei settori urbanistica e verde, del Museo di Scienze Naturali del Comune di Brescia e delle associazioni cittadine. Presso il sito “ex Nuova Beton” sarà collocata un’ambulanza per il primo soccorso fornita gratuitamente dalla Croce Rossa, mentre l’Associazione Canottieri Brescia allestirà un piccolo punto di ristoro. In caso di pioggia l’escursione sarà rimandata. Sul sito www.segnisullacqua.org sono disponibili la mappa dei percorsi, le informazioni sul progetto, i contributi provenienti dai diversi portatori di interesse e gli articoli informativi in merito alla progettazione partecipata.

L’iscrizione alle iniziative può essere effettuata attraverso il sito www.segnisullacqua.org, oppure contattando direttamente l’Urban Center: urbancenter@comune.brescia.it – cell. 3669266792

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Proprio lì , si poteva realizzare il projeto del liberavventura , facilitando ai ragazzi delle nostre scuole Giovanne xxll , Calvino, trovino, Santa Maria bambino , Rafaello e tanti altre ad, allenarsi qui vicino a casa. Per noi cittadini bresciani , sarebbe un bello regalo.

RISPONDI