Violenza allo stadio: condanna con pena sospesa per ultrà bresciano

0
Bsnews whatsapp

Un ultrà del Brescia è stato condannato in rito abbreviato a un anno e quattro mesi con pena sospesa per resistenza e violenza a pubblico ufficiale oltre che per concorso e lancio di oggetti. A ciò si aggiungono 40 giorni d’arresto per travisamento. Nessuna Diaspo invece.

A raccontarlo è il Giornale di Brescia che svela anche il nome dell’ultrà: Alberto Ramirez, 27enne di Lumezzane che il 27 gennaio dello scorso anno si è unito, insieme ad altri 50 ultrà bresciani, ai 500 milanisti arrivayti a Bergamo per l’incontro Atalanta-Milan.

I tifosi delle due squadre gemellate sono stati scaricati nell’antistadio e a quel punto sono stati attaccati dai tifosi bergamaschi. Attacco al quale hanno risposto lanciando aste, bandiere e petardi, fumogeni e bottiglie, mentre Ramirez è stato notato da un ispettore della Digos mentre teneva aperta la porta dell’antistadio per far uscire i compagni in strada.

Il pm Maria Cristina Rota aveva chiesto per lui la condanna a due anni per violenza, resistenza e concorso in lancio di oggetti atti ad offendere, con l’aggiunta di otto mesi per travisamento. Il legale del giovane, invece, aveva chiesto l’assoluzione per il suo assistito.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI