L’opera del mese: è la volta della Amazzonomachia

0
Bsnews whatsapp

Domani, domenica 12 ottobre 2014, alle ore 15:30, presso la White Room del Museo di Santa Giulia, Francesca Morandini, storico dell’arte e responsabile del servizio collezioni e aree archeologiche dei Musei Civici di Arte e Storia del Comune di Brescia, introdurrà il prossimo appuntamento de "L’opera del mese" è dedicato all’ "Amazzonomachia", un importante esempio di scultura in bassorilievo presente nella sezione della Storia del Monastero di Santa Giulia.

La battaglia delle Amazzoni che dà il titolo all’opera è raffigurata su una lastra, che appartiene a una fronte di sarcofago prodotto tra il II ed il III secolo d. C. nella regione greca di Atene, l’Attica.
La scena scolpita ha come protagonisti eroi ateniesi, raffigurati nudi, e le Amazzoni, guerriere a cavallo di origine orientale, caratterizzate da un particolare copricapo e da una tunica che lascia scoperti la spalla ed il seno destro. L’intricato rilievo allude probabilmente all’episodio mitico della battaglia che ebbe luogo alle pendici dell’acropoli di Atene, quando le Amazzoni tentarono di liberare la loro regina Antiope, che era stata rapita e sposata da Teseo con l’aiuto di altri guerrieri ateniesi. I corpi impegnati nella battaglia, enfatizzati dai chiaroscuri del rilievo, conferiscono alta drammaticità alla scena, sottolineata anche dalle pieghe nervose dei panneggi.
A partire dal regno dell’imperatore Adriano (118-138 d. C.), sino alla seconda metà del III secolo d. C., alcune botteghe dell’Attica si specializzarono nella realizzazione di sarcofagi, prevalentemente in marmo proconnesio, con scene di battaglie mitologiche scolpite in funzione dell’esaltazione del defunto, che veniva paragonato all’eroe del mito.
La lastra è stata recuperata nell’ottobre del 1998 dal pavimento, steso in età bassomedievale, nella chiesa di San Salvatore; era stata infatti reimpiegata con la parte a rilievo rivolta verso il basso, insieme ad altri frammenti di sarcofago di età romana.

"L’opera del mese": 12 capolavori per 12 mesi è un progetto per la valorizzazione del patrimonio museale bresciano ideato dall’ Assessorato alla Cultura, ai Musei e al Turismo del Comune di Brescia, svolto in collaborazione con la Fondazione Brescia Musei e l’Accademia di Belle Arti di Brescia Santa Giulia.
Oltre alla conferenza di presentazione, tenuta dalla dottoressa Francesca Morandini, saranno dedicati all’opera del mese anche approfondimenti sui canali web e i social network del Comune e di Fondazione Brescia Musei, e un filmato su Youtube.
L’opera del Mese sarà inoltre identificata nel percorso museale attraverso un totem, fornito di scheda di approfondimento cartacea e apposito QRcode di riferimento, leggibile con il proprio smartphone.

Dopo la presentazione sarà possibile entrare gratuitamente in museo per vedere l’opera e cogliere tutti i dettagli messi in evidenza dalla relatrice.

Al termine dell’incontro saranno timbrate le tessere fedeltà dei presenti e si ricorda che al raggiungimento di almeno 8 presenze si avrà diritto ad un omaggio.
I prossimi capolavori che presenteremo saranno i seguenti*: il Dittico di Boezio e Madonna con il Bambino e san Giovannino di Francesco Francia.

"L’Opera del Mese" di Ottobre:
Amazzonomachia – Battaglia delle Amazzoni
lastra di sarcofago attico
marmo proconnesio
(II-III secolo d. C.)
Sezione "Storia del Monastero", Santa Giulia, Museo della città

IL PROSSIMO APPUNTAMENTO:
Domenica 9 novembre 2014
Ore 15:30
Il "Dittico di Boezio"
Introdurà l’opera Ennio Ferraglio, Direttore della Biblioteca Civica Queriniana

PER INFO:
www.bresciamusei.com – www.turismobrescia.it
santagiulia@bresciamusei.com
tel. 030.2977834
turismo@comune.brescia.it
tel. 030.2400357

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI