Controllore aggredito sulla metro da un nordafricano senza biglietto

0
Bsnews whatsapp

Ennesimo, triste, episodio di cronaca che vede protagonista un lavoratore aggredito sui mezzi di trasporto tra Brescia e provincia. Dopo svariati casi verificatisi sui pullman, urbani o extraurbani (leggi qui), e sui treni (leggi qui), è di nuovo la volta della metropolitana. Se a maggio l’aggressione andò in scena in piena notte (leggi qui), ieri il fatto è avvenuto in pieno giorno, intorno alle 16.

Un controllore a bordo della metropolitana stava facendo il proprio dovere quando si è imbattuto in un immigrato nordafricano privo del biglietto di trasporto. Presto il dialogo tra i due si è trasformato in diverbio, e poi aggressione: quando il convoglio stava entrando nella stazione di Brescia Due, il viaggiatore ha spinto violentemente il controllore, che è finito a terra consentendo all’immigrato di darsela a gambe facendo perdere le proprie tracce.

Mentre i sanitari dell’ambulanza giunta sul posto hanno medicato il controllore 44enne, i carabinieri chiamati da alcuni cittadini si sono messi senza esito sulle tracce dell’aggressore. Utili elementi per l’individuazione dell’uomo potrebbero arrivare dalle numerose telecamere presenti nelle stazioni.
(a.c.) 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Perchè mettere a repentaglio l’incolumità di un controllore esponendolo a diverbi con chi non paga il biglietto?. Basterebbe una segnalazione alla centrale con un click per non fa riparte la metro fin quando il biglietto non viene pagato oppure il passeggero scende.

  2. non penso che si possa fermare così un treno, non so quale sia la soluzione, se il manganello o la caramellina regalo, so solo che questo problema c’è in tutto il mondo, e allora mi chiedo, come hanno cercato di affrontare questo problema dove la metropolitana esiste da 100 anni?

  3. Come dicevo qualche giorno fa i controllori dovrebbero essere almeno in coppia, con una certa prestanza fisica ed adeguatamente "armati" per la protezione individuale. Purtroppo questo è il risultato della terronizzazione e e del antirassismo d’accatto….e la situazione non potrà che peggiorare.Basta copiare le procedure svizzere, austriache, tedesche, ecc

  4. Cosa ne pensa quel signore che tempo fa ha commentato che l'assenza di tornelli a bs rappresentava una forma di alta civiltà voluta dalla nostra amministrazione ?? Bisogna mettere i tornelli è visto che in alcune stazioni non c'è il posto basterebbe come a NewYork mettere una specie di gabbia di ferro alta con all'interno un tornelloChi non ha biglietto non può entrare E' sicuro e non occupa molto spazio Davanti alla violenza non ci sono bodyguard che tengano Purtroppo bisogna solo usare accorgimenti tecnologici . Altrimenti sarà anche x i viaggiatori ,pericoloso trovarsi in mezzo a simili situazioni !!!

  5. se si riferiva a me, continuo a dirle che i tornelli sono una caxxata enorme. Chi non vuole pagare li scavalca al volo (come succede ovunque). Dice che a Brescia c’è necessità di sicurezza? Io non la vedo, prendo ogni giorno la metro, poi è vero ognuno percepisce la pericolosità di un posto in base alla sua esperienza e alla propria percezione, ma una spintonata al controllore per scappare e un altro atto a maggio NON SONO UN SEGNALE DI CRITICO PERICOLO. Informazione, responsabilizzare chi utilizza i mezzi e pene sicure per chi trasgredisce. L’unico posto che merita i tornelli per la sua pericolosità sono le banche, ma non pericolose per i banditi, pericolose per noi!

  6. Chi si ricorda della frase del Sindaco di BS, Del Bono, "in futuro Brescia avrà più extracomunitari che Bresciani". L’espressione era pure annunciata con orgoglio. In attesa del peggio, suggerisco al Sindaco Del bono, di circolare con la scorta,non vorrei che qualche extracomunitari, non riconoscendolo lo aggredisca: il che, x quanto mi riguarda non ne farò un dramma……Distinti

  7. Pensi un po’, non sono per Del Bono, sono pure mediamente razzista (lo ammetto) ma così tante stupidaggini è difficile pensarle tutte in una volta. Mi risulta difficile e dopo una ricerca non sul web non sono riuscito a trovarla, che un politico, anche fascista possa fare un’affermazione del genere. Altro discorso è quello delle aggressioni, facendo una ricerca su google (aggressione – lombardia – statistiche) si scopre che l’ISTAT pubblica i dati ogni anno e dopo il minimo storico nel 2008 si ha una si leggera crescita ma siamo alla metà DEGLI ATTI DI RAPINA E AGGRESSIONE rispetto agli amati anni ’90 quando sulle strade di Brescia c’erano solo musi pallidi. Per cui prima di immaginarsi scene di violenza e invasioni apocalittiche cerchiamo di ragionare.

  8. Gentile Sig. HANGOVER, Mi riferivo al Sindaco di Brescia, Del Bono e alla Sua affermazione’ che Ella probabilmente non ha letto. In merito all’aggressione ,del controllore della metrò di Brescia,non si discosta dalle aggressioni sugli autobus di Roma, sempre da parte di Extracomunitari, clandestini, immigrati, come cavolo li devo definire???? Penso che Lei non ha capito quanto scritto in precedenza, spero di essere stato chiaro ora,,,,altrimenti, non si inoltri in altre inutili distorsioni. Distinti…….

  9. Ma con me può chiamarli tranquillamente Negri o Giargia o Senghen, non è il nome importante, quello che dico è che questa affermazione non risulta da nessuna parte, e che la caccia alle streghe nei confronti agli extracomunitari non fa bene a nessuno. Nei momenti di crisi e cambiamento fa sempre comodo aizzare le tensioni contro gli straccioni, tanto straccioni sono e straccioni resteranno.. e intanto che i veri problemi ritornano sotto al tappeto lasciamo che la gente si accanisca contro gli "scuri". Ma io mi chiedo, perchè non è mai stata fatta una politica seria sull’immigrazione? perchè con la bossi fini i clandestini al posto di bloccarli li ha fatti aumentare e vivere nell’illegalità? Perchè prima si amava Gheddaffi poi lo si è bombardato senza pensare che senza una guida la libia sarebbe diventata la rampa di lancio delle organizzazioni criminali per la tratta degli straccioni? Perchè in Europa quando l’Italia va a parlare di immigrazione tutti se ne sbattono le Baxxe? quindi di chi è la colpa, dello straccione che ha tutti i vantaggi a delinquere vista la sua posizione o di chi gli ha creato le condizioni? Io sono per tenerci i nostri negri e mandare chi ci governa in Niger, o in Liberia dove infesta l’Ebola.

  10. E bravo Sig. Hangover, se vuole parlare di politica : chi ha bombardato la Libia, Francia Inghilterra, e ne conosco il motivo, e le primavere arabe dove gente ignorante(italiani compresi)si eseltavano….non venga a raccontarmi bxxxe. Io parlavo di aggressioni compiute da extracomunitari, ieri anche a Milano sul tram, dei rom hanno aggredito dei civili……. Parli del problema… della politica è opportuno che Lei Taccia, ha gia fatto una brutta figura col sottoscritto, e non ritengo che Ella sia all’altezza di discutere di politica, pertanto non intendo perdo altro tempo a risponderle Distinti…

  11. Per chi invoca i modelli teutonici x i tornelli: a Vienna e Berlino non ci sono tornelli agli ingressi della metro. Là i controllori non si sognano di bloccare chi si rifiuta di consegnare i documenti, rischiando di prenderle, e lasciano andare. Caso mai ci pensa dopo la polizia sulla base delle immagini delle telecamere. Solidarietà al controllore aggredito, ma la prossima volta… lascia andare!

  12. Ma che bel suggerimento " lascia andare ". Era provocatorio, spero. Ma si può chiudere gli occhi x paura di essere assaliti ? E domani cosa faremo ? Bisogna urlare, protestare, si deve far sentire la voce dei cittadini onesti affinché ttt possano lavorare in tranquillità e sicurezza!!! Ma scusi "tornelli" immagino che lei lasci la porta di casa aperta e se qualcuno entra a rubare si nasconda in bagno. E domani ? Gli preparerà un buon caffè !!!

  13. dai delinquenti bisogna difendersi, ma in modo intelligente. In Genrmania i controllori della metro lasciano andare i violenti ma alle uscite la polizia li becca.

  14. italia pattumiera del mondo , infestata da clandestini di ogni dove senza arte ne parte . Ci manca pure l’ebola, almeno forse , forse bloccheranno gli sbarchi . Schengen , la vera pazzia dell’unione europea , dove , al posto della libera circolazione in europa dei lavoratori , vi è la libera circolazione della feccia europea che scelgono l’italia perchè quì si può ammazzare senza andare in galera , si può stuprare senza andare in galera , si può rubare e via dicendo …….italia pattumiera del mondo grazie all’ unione europea , grazie ai nostri politici , grazie a noi italiani brava gente , inermi e passivi spettatori della nostra stessa fine !

  15. D'accordissimo !!!!!! Ripeto secondo me come a n.y e' sufficiente costruire tipo una gabbia di ferro circolare , alta ,in modo che nessuno possa scavalcarla ,con all'interno un tornello !!!!! Non occorre molto spazio , e così non si dovrebbe sperare su presenza delle forze del l'ordine anche loro , a rischio di questi delinquenti !!!! E 'che se non si fa niente e passano impuniti , diventerà una abitudine su vasta scala!!!!

  16. In Italia si può tutto? Sicuramente si possono scrivere scemenze come quelle dei due precedenti commenti. LA verità é che i delitti sono in continua diminuzione da almeno 25 anni.

  17. Strano….a me sembra il contrario….da piccolo avevamo l’accesso diretto nelle camere dei bambini direttamente dal cortile promiscuo (senza cancello esterno): con un po’ di accortezza e vigilanza non è sparito quasi niente. Certo se vedevano qualcosa di strano avvertivano e c’era sempre un bel bastone a portata di mano. Ora non mi fiderei più. Sarò retrogrado, oppure non buonista, oppure semplicemente realista.

  18. a me piacerebbe sapere da dove son stati estrapolati i dati della continua diminuzione dei reati……..se e’ il risultato di quanto dicono dichiarazioni di chi di dovere,avrei dei dubbi….fino a tre mesi fa ebola era impossibile nel mondo occidentale,guarda un po’

  19. BAsta interrogare google. Elementare… Un altro dato verificabile: in Italia il tempo dedicato dai media alla cronaca nera é di gran lunga maggiore di quello che ritroviamo in altri paesi. Come mai? La risposta si trova sempre con google. Non é difficile..

  20. Negli anni 90 c’è stato un altro allarme (psicosi) ebola, sembrava dovesse arrivare anche da noi…invece niente. Per adesso gli unici casi di ebola fuori dall’Africa sono infermieri che hanno avuto contatti con i contagiati e non immigrati arrivati col barcone. Ieri un africano (residente in Italia da 2 anni) a Roma è stato male e si è subito pensato all’ebola, aveva avuto un attacco epilettico…capisco prendere le dovute precauzioni per evitare la pandemia (tra l’altro siamo più preparati all’emergenza adesso rispetto al 95) ma questa si chiama psicosi.

  21. nessuna psicosi,caro,dispiac e deluderla,ma,stando ai dati epidemiologici che mi capita di leggere non posso non pensare che ebola ,uscita dall’africa,non subisca mutazioni che la rendano ancora più virale,non e’ certo colpa dei migranti o di nessun altro,solo che i virus han la loro vita,che spesso non e’ prevedibile con analisi matematiche o quant altro,e se nel 95 non e’ successo,niente vieta che possa< accadere ancora,anche perché gli infermieri,prima di infettarsi,son ben stati a contatto con qualcuno(e ,mi creda,i protocolli di emergenza servono a qualcosa,ma se il virus ha voglia di venire a farsi un giro,lo fara’,nonostante tutte le precauzioni noi possiam adottare).anche perché gli essere umani son diventati troppi,e hanno inquinato troppo,prima o poi ,madre natura ci presentera’ il conto

  22. ps la tesi di laurea l’ho fatta osservando le mutazioni spontanee di escherichia coli,e’ divertente,sa,vedere la velocita’ con cui questi esserini si adattano a qualsiasi cambiamento……ovv iamnte,io non son l’oracolo e non possideo verita’assolute,mi baso soltanto sulla storia degli esseri umani.

  23. Dammi pure del tu. Tu hai detto "fino a tre mesi fa ebola era impossibile nel mondo occidentale,guarda un po’" e io ti ho fatto presente che anche negli anni 90 c’è stato un allarme ebola, che è diventato una psicosi a livello mondiale (hanno fatto pure dei film) ma alla fine il virus non si è esteso come si temeva. Ora sono passati quasi 20 anni e le misure di sicurezza sono migliorate rispetto ad allora, nemmeno io ho la sfera di cristallo, ma paragonando la situazione attuale con quella di allora mi viene da pensare che l’allarme rientrerà. Se un attacco epilettico viene scambiato per ebola solo perchè il malato è africano e la notizia fa il giro dei siti di informazione (per essere smentita poche ore dopo) si tratta di psicosi collettiva, il che non significa che tu sia psicotico, ma che (quasi) tutti, a causa del martellamento mediatico, percepiscono la realtà in modo distorto, in questo caso specifico associano l’immigrazione all’espandersi dell’ebola, cosa non vera al momento, infatti gli unici casi sono personale medico che è stato in Africa.

  24. scemenze le scrivi tu che vivi su di un albero nel paese di alice delle meraviglie……! oppure vivi nel mondo virtuale del tuo p.c. perchè la verità sta nel quotidiano e nella qualità della vita odierna…bevi cynar e vedi tutto azzurro….italiano bravo ,
    gaston de foix

  25. io non ho fatto la tesi di laurea sui virus , ma la laurea non mi serve per giudicare quello che accade . e l’ebola caro il mio dotto arriva dall’africa nera e dalle scimmie , come appurato anche per l’aids .
    a me pare che i primati in italia non esistano , esistono invece quelli che vi stanno a contatto e che in italia arrivano da ogni angolo dell’africa

  26. Smentisci il dato che i delitti sono in constante calo negli ultimi 25 anni, se hai dati certi. I dati certi sono quelli statistici non i dolori di pancia di uno xenofobo.

  27. Per ora l’ebola arrivata, pochissimi casi per fortuna,in Europa ed USA é stata portata dagli occidentali che sono andati in Africa a curare i malati. Nessun africano é arrivato in europa con ebola. Sono gli occidentali il pericolo in occidente.

  28. io torno a ripetermi,certo le misure di sicurezza,per quanto possiamo pensarle son migliorate,ma ben lungi dall’essere perfette…perdona se ti corrwggo,mi pare che negli anni 90 fosse mucca oazza e primi anni 2000 aviaria.tornando a bomba,purtroppo i virus mutano in forme imprevedibili e i comportamenti di massa odierni,con spostamenti compresi,rendono difficle comprimere un eventuale epidemia…propva a prensare se ebola si maritasse con il rinovirus o il sinciziale,cosa potrebbe succedere.ripeto ,da parte mia,nessuna paura,so che altri si impressionano più facilmente,ma son capibili,pero’ una strana consapevolezza che prima o poi qualcosa succede(potrebbe essere un batterio e non un virus,ma tant’e’)….per il signore che parla di primati,neanche io ho fatto la tesi su un virus ma su un batterio,non facciamo confusione,per favore.tralatro,il mio guarda un po era riferito che alle statistiche di prefetture e politiche non credo molto(nessuno e’ perfetto)….vi alscio con un motto di uno studioso,molto più valido e celebre di me:l’ultima parola,signori miei,l’avranno i batteri.buon appetito

  29. Capisco le tue paure e in parte le condivido, nella giusta misura però. Non so quanti anni avessi tu nel 94-95 ma ti assicuro che l’allarme ebola c’è stato con relativa psicosi collettiva, quindi non è che fino a 3 mesi fa non si sapesse niente dell’ebola.

  30. bhe, stiamo belli tranquilli , facciamoci l’aperitivo che tutto va bene……fino a quando anche a brescia , provincia islamica, vi sarà un caso di ebola e poi vediamo…… ciao

  31. la storia insegna…..dove esistevano i bianchi tutto andava bene..vedasi persia, iran, afghanistan, etc etc…
    andato via l’uomo bianco sono tornati al basso medioevo…..che stiano a casa loro !!

  32. al sedicenne che ha aggredito il controllore , una serie di cinghiate sul culo, adottiamdo i loro usi e costumi e poi vedi se non riga dritto il recidivo !!!

RISPONDI