Generazioni a confronto: Valeria Magli porta in scena Pupilla

0

Continua domani, martedì 14 ottobre, alle ore 21.00 il progetto Generazioni a confronto con lo spettacolo Pupilla della coreografa Valeria Magli.

Negli anni Ottanta fu definita la “musa dei poeti” e soprattutto la performer della “poesia ballerina”. Una artista fuori del coro, e anche una intelligente funambola sempre in bilico fra teatro e danza. Da sola ha fatto scuola, con il suo carisma leggero, il suo fascino ipnotico, e con la costante idea di combinare parole, musiche, oggetti e movimenti senza un codice preciso ma dettati dalla sua fantasia e dalla sua speciale capacità di unire acting, ginnastica ritmica e balli di sala. Per questo Valeria Magli, come un unicum nella memoria della nostra tradizione del nuovo, rientra nel progetto RIC.CI / Reconstruction Italian Contemporary Choreography Anni ‘80/ ’90, ideato e diretto da Marinella Guatterini, critico, docente e studioso di danza, e punta a dare risalto e dunque a (ri)mettere in moto la memoria della danza contemporanea italiana dall’inizio degli anni Ottanta sino agli inizi dei Novanta.

Pupilla, creazione del 1983, è uno spettacolo, con riferimenti culturali alti da von Kleist a Bellmer, che viene oggi ripreso da tre danzatrici della DanceHaus Company a cui è affidata l’interpretazione della pièce che torna a raccontare il rapporto tra bambola, infanzia, erotismo e non solo. Ne parleranno al termine dello spettacolo Valeria Magli e Marinella Guatterini in un breve incontro con il pubblico.

I biglietti per Pupilla e per tutti gli altri appuntamenti di Generazioni a confronto sono in vendita alla Biglietteria del Teatro Grande e sui siti teatrogrande.it e vivaticket.it (orari di apertura della Biglietteria del Teatro Grande: dal martedì al venerdì dalle 13.30 alle 19.00 e il sabato dalle 15.30 alle 19.00). Tutti gli spettacoli del progetto Generazioni a confronto si svolgono in Sala Grande ma, poiché è richiesta un’atmosfera raccolta, verrà utilizzata per il pubblico solo una parte della platea.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome