Forza Italia, Maione contro Mattinzoli: inizi lui a rispettare le regole

0

Si fa sempre più rovente la polemica in Forza Italia dopo le elezioni provinciali. Il voto per il Broletto ha sancito ufficialmente la spaccatura nel gruppo di Palazzo Loggia. Da una parte Adriano Paroli e Paola Vilardi, ligi alla linea dettata da Mariastella Gelmini e dal coordinatore Alessandro Mattinzoli. Dall’altra – da domenica – Margherita Peroni (la cui sospensione dal partito è ancora da chiarire), l’ex assessore Giorgio Maione e il giovane capogruppo Mattia Margaroli, che al dunque hanno deciso di sostenere – in polemica con i vertici di Fi – la civica Nicoletta Benedetti.

“Quel che è certo che le regole vanno rispettate e vanno fatte rispettare”, ha tuonato sui giornali Mattinzoli, lasciando intendere che per i ribelli si profilano provvedimenti. Ma la replica non è tardata. “Mi domando”, ha risposto Maione con un post su Facebook, “perché mai il coordinatore non abbia informato delle sue scelte i coordinamenti comunali come richiede lo Statuto e non abbia mai comunicato i nomi dei candidati a questi e al direttivo come vuole lo Statuto. Le regole qui non valgono? Sono certo “, incalza l’ex assessore, “che vorrà far rispettare le regole per tutti. Se così non fosse mi verrebbe da citare Orwell nella Fattoria degli Animali: ‘Tutti gli animali sono uguali ma alcuni sono più uguali degli altri’. E in una fattoria”, provoca Maione, “l’amico Mattinzoli reciterebbe il ruolo del bue che dice cornuto all’asino… ma son certo che così non vorrà”.

Insomma: la polemica in Forza Italia è soltanto iniziata.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. e Paroli che ha votato la Civica Ferrari non lo buttano fuori?
    Il dato è che nessuno della città ha votato il candidato della Gelmini espulsi tutti per lesa Mariastella????

  2. L'avv Maione dall'alto della sua cultura impartisce lezioni agro-pastorali che evidentemente è materia che conosce bene.Senza farla troppo lunga Maione e margaroli dovrebbero essere sosttoposti agli stessi provvedimenti usati per la Peroni ,la Benedetti e gli altri presenti in lista alternativa a FI. Quando si commettono atti anti partito si deve essere in grado di subire le conseguenze.

  3. Quanto accanimento.. Vi dà fastidio che qualcuno si esprima in Forza Italia? La Gelmini ha abolito la libertà di parola????

  4. Peroni,Maione e Margaroli con le loro oltre 2000 preferenze prese alle comunali hanno fatto bene bene a staccarsi,dovrebbero creare un loro gruppo consigliare in consiglio comunale e dimettersi da FI non li rappresenta proprio,altrimenti quelo che hanno fatto è del tutto inutile.

  5. Mattinzoli è quello che si è alleato alPd?
    Maione intepreta lo spirito del 94.
    Mattinzoli e Gelmini intepretano lo spirito della loro poltrona. Va bene tutto pure il Pd

LEAVE A REPLY