I ragazzi di Sandro Bovo s’impongono 7 a 4 sul Savona

0

L’An Brescia stringe i denti e va oltre l’ostacolo Savona: a Mompiano, nel terzo turno di campionato, i ragazzi di Sandro Bovo s’impongono 7 a 4 (1-1, 2-1, 0-0, 4-2, i parziali) sulla Rari di Alberto Angelini. I due mesi esatti (dopo la pausa estiva, le attività sono riprese il 18 agosto) di duro lavoro, oggi, si son fatti sentire, soprattutto nelle fasi offensive, con poca esplosività, e precisione, quando si è trattato di andare al tiro (solo 4 le realizzazioni su 13 situazioni di uomo in più). Nonostante questo, però, Presciutti e compagni non hanno mai perso la calma, per tutto il match hanno continuato a macinare gioco, chiudendo ottimamente in difesa, in parità quanto con l’uomo in meno (0 gol subiti su 4 inferiorità, più il rigore parato da Marco Del Lungo a Goran Fiorentini). Dunque, una vittoria molto importante perché ottenuta davanti a una formazione giovane, di qualità e ben messa in acqua, e anche, e soprattutto,  perché ottenuta in condizioni fisiche tutt’altro che ottimali, pure considerando l’assenza dell’ultima ora di Federico Pagani, rimasto in tribuna a causa di una fastidiosa tendinite; insomma, un successo frutto, in primis, della determinazione, un successo che ha messo in risalto la voglia di crescere del gruppo.

«È stata la nostra miglior partita – dichiara coach Bovo – di questa nuova stagione: abbiamo giocato molto bene dietro e abbiamo costruito tanto, producendo molte azioni pericolose. In questo senso, abbiamo fatto un netto passo avanti. Certo, abbiamo sbagliato tanto in superiorità, non abbiamo concretizzato a dovere la mole di gioco, ma questo dipende dalla stanchezza fisica, e quando si è affaticati, uno dei primissimi segni è la mancanza di energia, di potenza, nelle conclusioni. D’altronde, è da fine agosto che stiamo spingendo tanto in allenamento. Comunque, sono contento, in particolare, mi è piaciuta la gestione della partita, abbiamo mantenuto sempre la giusta concentrazione, anche quando non riuscivamo a metterla dentro».

«Son settimane che affrontiamo carichi di lavoro pesanti – commenta il mancino, Alessandro Nora, oggi a segno una volta – e siamo stanchi, non c’è che dire. Però, in difesa ci siamo espressi bene, è mancata la freschezza in attacco. Probabilmente, se avessimo finalizzato qualche superiorità in più a metà partita, avremmo chiuso i conti molto prima; in ogni caso, loro son stati bravi, ci hanno messo in difficoltà, al di là della nostra condizione. Dobbiamo mettere a posto l’attacco, occorre essere preparati più avanti, così da far bene nei momenti giusti».

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome