Consigli di quartiere, le Acli rispondono alla Lega: non cerchiamo consenso politico

0
Bsnews whatsapp

La Lega Nord non presenterà alcun candidato alle prossime elezioni per i Consigli di quartiere, in programma domenica 14 dicembre. Tra i motivi alla base il voto ai sedicenni e quello agli extracomunitari. Sull’argomento rispondono le Acli bresciane, criticando l’atteggiamento del movimento e alcune affermazioni fatte in merito, che accusano Pd, Cgil e le stesse Acli di cercare consenso politico.

DI SEGUITO IL COMUNICATO INTEGRALE

“Il nostro movimento crede nella partecipazione attiva e la vuole salvaguardare”. Virgolettiamo questa frase perché estrapolata dal comunicato della Lega Nord apparso su tutti i quotidiani locali di questi giorni. Frase che ha sempre caratterizzato le prese di posizione delle Acli fin dalla esperienza dei vecchi Comitati di Quartiere, passando dall’introduzione delle Circoscrizioni, fino alla loro abolizione.

Constatiamo però che alcune affermazioni della Lega Nord contraddicono questa frase: non permettere ai sedicenni di votare, non dare il voto agli stranieri residenti da più di cinque anni, bollare la lista unica di autocandidature come “strumento tipico dei paesi dittatoriali” sono tutti elementi che contrastano con una sincera volontà di costruire partecipazione.

Vorremmo inoltre dire alla Lega Nord che oggi la partecipazione non è da salvaguardare, ma da ricostruire perché giunta a livelli molto bassi, grazie anche ad una presenza monopolizzatrice dei partiti anche ai livelli più bassi come le circoscrizioni. Eleggere anche i nuovi Consigli di Quartiere su più liste, (cioè su liste di partito magari mascherate da liste civiche), significherebbe ancora una volta uccidere sul nascere una possibile ripresa della partecipazione.

Infine ci indigniamo per essere stati citati – insieme al  PD e alla CGIL – come partecipanti ad “elezioni simili a delle primarie per  organizzare il consenso politico”. Le Acli non hanno mai partecipato né di-rettamente né indirettamente a competizioni elettorali, ma si lasciano coinvolgere ogniqualvolta si aprono veri spiragli di partecipazione e di cittadinanza attiva senza lasciarsi condizionale da qualsivoglia schieramento. Invece, boicottare ed invitare i cittadini a boicottare elezioni regolarmente indette da una istituzione quale il Consiglio Comunale è un atto di irresponsabilità che può veramen-te uccidere ogni parvenza di democrazia.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. lo sanno tutti che le acli sono un movimento apartitico che non c’entra nulla col pd. lo sanno tutti che è un movimento di ispirazione cristiana che non c’entra nulla con delbono. lo sanno tutti che si occupano di tutto ma non delle sorti del pd.lo sanno tutti che non hanno mai appoggiato il pd. chi lo pensa è fuori della realtà. aahahahahah!

  2. Il collatelarismo delle Acli è un dato storico e consolidato. Basta vedere i "corsi di formazione" fatti poche settimane prima delle ultime elezioni amministrative e i relatori invitati..

RISPONDI