Spariti due etti di cocaina dal deposito della Polizia, agente ai domiciliari

6
Bsnews whatsapp

Un arresto per droga, ma questa volta a finire in manette è un agente della Polizia, accusato di aver fatto sparire, nell’estate 2011, dall’ufficio corpo di reati del commissariato di Polizia Carmine due etti di cocaina. E’ finito ai domiciliari l’assistente capo V. T., siciliano di Caltanisetta, 37 anni, con l’accusa di peculato. Come riporta il Giornale di Brescia, mercoledì i suoi colleghi della Squadra Mobile della Questura si sono presentati a casa dell’agente con l’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip del Tribunale di Brescia Luca Tringali, che ha accolto la richiesta del sostituto procuratore Isabella Samek Lodovici, titolare dell’inchiesta. Ai tempi del reato (luglio-agosto 2011) l’agente era responsabile della custodia del deposito della droga. I due etti di cocaina spariti non sono ancora stati ritrovati.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

6 COMMENTI

  1. Preferivi 1312? Speriamo in una condanna esemplare come richiedono i ns tutori dell’ordine ogniqualvolta ci sono casi eclatanti. Chissa’ come commenteranno i valorosi sindacati che pontificano sul caso Cucchi.

  2. La Magistratura deciderà, non tu, carico di odio a priori, come si deduce dal tuo cialtronesco nick name. Ripeto: vergognati di fare dello sciacallaggio. Io sto con la Forza Pubblica.

RISPONDI