Sanitars Metalleghe Montichiari: esordio vincente in un Palageorge gremito di tifosi

0
Bsnews whatsapp

Davanti al suo pubblico, Metalleghe Sanitars non delude. Un PalaGeorge entusiasta e gremito ha accolto le atlete di Montichiari che oggi hanno aperto la stagione casalinga del campionato 2014/2015. La prima volta in A1 emoziona tutti: spalti che si riempiono con grande anticipo – e continuano anche a gara iniziata – tensione che si respira nell’aria e attesa per l’esordio delle atlete di coach Barbieri, che l’anno scorso qui non hanno perso mai una gara. Metalleghe incassa i suoi primi tre punti e vince in un’ora e venti, contro una Liu Jo che non si è espressa al massimo. Durante il riscaldamento, Simona Gioli è stata premiata da Martina Ricca di Pallavoliamo.it come miglior opposto per il girone di ritorno della stagione 2013-2014, in cui ha giocato in posto due a Frosinone.

Prima dell’inizio della gara, squadre schierate in campo con gli striscioni rosa a sostegno di Ghoncheh Ghavami, la giovane britannica di origine iraniana condannata in Iran ad un anno di reclusione per aver tentato di assistere a una gara di volley maschile lo scorso giugno.

Primo set che vede lo starting six biancorosso schierato con Dalia sulla diagonale principale con Tomsia, Olivotto e Gioli al centro, Brinker e Vindevoghel in posto quattro, Ghilardi libero. Dall’altra parte della rete, Rondon in cabina di regia con Fabris opposta, capitan Piccinini e Rousseaux in posto quattro, Folie e Crisanti al centro con Arcangeli libero. Avvio di match in equilibrio: Rondon e Fabris si intendono bene, ma Montichiari non è da meno; nonostante qualche errore, è 14-7 Metalleghe, con muro di Tomsia e Vindevoghel. Modena si fa sotto, ma due bombe di Gioli portano la squadra di casa sul 17-12. Sul 22-15, dopo due attacchi micidiali di Tomsia, entra Ikic per Rousseaux. Vindevoghel conquista il 24 e il set si chiude con un attacco out di Modena sul 25-20.

Secondo set in salita per Metalleghe che deve recuperare 4 punti, ma riaggancia Modena sul 8-8 e la supera, arrivando 12 -10 con una super Ghilardi in difesa. Montichiari fa sentire le sue mani a muro e nonostante due ace di Modena, riesce a capitalizzare il vantaggio, con attacchi molto efficaci. Qualche errore in battuta e si arriva 24 -23: attacco vincente di Gioli e il PalaGeorge esplode!

Terzo set con Modena che inserisce Ikic e Kostic per Fabris e Rousseaux. Si viaggia in equilibrio e c’è spazio per Alberti su Olivotto; piccolo vantaggio Modena, facilitato da tante battute sbagliate – saranno 10 a fine gara – e si va al time out tecnico sotto di un punto. Modena insiste e mantiene il break; dentro Mingardi per Tomsia e Zampedri per Vindevoghel nel giro dietro. Liu Jo allunga fino al 20-16. Montichiari non ci sta e sta col fiato sul collo alle avversarie. Ace di Tomsia per il 19-20. Metalleghe aggancia e supera con Brinker: 22-21 e il supporto dagli spalti si fa sentire. Errore da seconda linea di Modena per il 24-22, primo match ball annullato, ma il secondo va a terra, ancora ad opera di Maren Brinker, grande protagonista del terzo set. Si chiude 3-0, la prima di Metalleghe Sanitars davanti al suo pubblico.

Il commento a caldo di Ludovica Dalia: “Il lavoro in palestra paga sempre. Dovevamo ricostruire la nostra sicurezza, dopo la partita a Piacenza: lo abbiamo fatto lavorando sodo e il risultato è arrivato. Una prova valida di tutto il gruppo, per ribadire che noi siamo la squadra vista stasera. Ora dobbiamo mantenere questa continuità. Nel terzo set abbiamo recuperato lo svantaggio grazie al gioco fatto nei primi due; siamo rimaste lucide e siamo state più concreta di Modena, oggi un po’ sotto tono. Ringrazio il grande pubblico che stasera ci ha sostenuto; è anche grazie a quello che si mantiene la testa in campo.”

“Siamo consapevoli di affrontare squadre forti, ma abbiamo delle eccellenze che quando emergono, si fanno sentire – commenta senza nascondere soddisfazione e orgoglio coach Barbieri – Stasera abbiamo detto la nostra, in attacco come in difesa, con giocatrici sempre pronte a prendersi le proprie responsabilità, quando chiamate in causa. Qualche errore di troppo in battuta, ma nel complesso una gara decisamente positiva e anche tirata. Il sostegno del pubblico si sentiva sempre: giocare con una cornice così, mi ha dato carica e soddisfazione”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI