Crac Cobra-Zampedri, i vertici patteggiano a tre anni e otto mesi

6

Tre anni e otto mesi di pena, questo hanno patteggiato i vertici della Cobra-Zampedri F.M.Z, 72 anni (Presidente), e il figlio E. (amministratore delegato), 45, nell’udienza al Tribunale di Brescia. Reati fallimentari, tributari e truffa i capi d’accusa emessi dopo un’inchiesta apertasi oltre un anno fa. A far partire l’indagine le denunce dei clienti che avevano acquistato auto poi mai consegnate. L’inchiesta chiamata Toxic Cars, ha messo in luce, ricorda il Giornale di Brescia, distrazioni patrimoniali da 7 milioni di euro, truffe alle banche per 3,8 milioni, un falso in bilancio di 4,3 milioni, oltre a trucchi contabili per 5 milioni. Coinvolte anche altre 9 persone, che saranno processate il 20 gennaio. 

Comments

comments

6 COMMENTS

  1. distrazioni patrimoniali da 7 milioni di euro, truffe alle banche per 3,8 milioni, un falso in bilancio di 4,3 milioni, oltre a trucchi contabili per 5 milioni. Non male per dei comunitari !!!

  2. e se magari sequestrassero anche tutti gli averi loro dei loro figli, parenti, nipoti, suocere e parenti tutti di questi SIGNORONI forse si potrebbe restituire qualcosa ai truffati! o no???

  3. siete così abituati a vedere i vostri amici extra che delinquono (con difesa d’ufficio sempre pronta da parte vostra) che quando ci sono di mezzo vicende giudiziarie per dei bresciani impazzite dalla gioia. ma vi rendete conto di quanto siete… fuori?

LEAVE A REPLY