Eliana Bordogna torna in libreria con un romanzo sulla violenza domestica

0

La giornalista bresciana Eliana Bordogna torna in libreria con Padrone del Gioco, un romanzo che affronta il delicato tema della violenza domestica. Le premesse per replicare il successo avuto due anni fa con il romanzo d’esordio Rosso Tulipano ci sono tutte: primo in classifica in Feltrinelli per diverse settimane, passato poi nella classifica dei “libri più amati”, ha fatto il giro della provincia attraverso la rete bibliotecaria, i cui dati dimostrano che ancora oggi è molto richiesto.

Una grande soddisfazione dunque per la scrittrice bresciana che ha deciso questa volta di indagare, attraverso la raccolta di testimonianze e un’attenta documentazione, sugli aspetti che portano al malsano meccanismo vittima – carnefice.

«E’ bello ricevere mail di persone che ringraziano per l’emozione che hanno provato leggendo il mio libro, è bello sapere di poter accarezzare le anime attraverso la scrittura, poter comunicare con chi non conosciamo. Le testimonianze che mi sono arrivate in questi anni dai miei lettori mi hanno sempre fatto commuovere. Spero di non deluderli con il mio nuovo romanzo, anche se sono sicura che sarà in grado di far riflettere molti.»

Un registro che cambia dalla commedia alla tragedia. Una capacità non comune di districarsi nelle profondità delle menti e dei rapporti tra le persone. Fra pochi giorni dunque Padrone del Gioco sarà disponibile in libreria o ordinabile dal sito ufficiale della casa editrice Arpeggio Libero.

LA TRAMA: Angela Colleoni è una giovane donna appartenente a una ricca famiglia borghese. Realizzata appieno sul lavoro, si sente oppressa nell’anima per quanto riguarda gli affetti, la vita privata. Figlia di genitori separati, non riesce a trovare un canale per comunicare con la madre, mentre adora il padre, che le è sempre stato accanto. La morte improvvisa di nonna Lia, che ha deciso di farsi seppellire in un piccolo paese di Creta, la porta a indagare sul passato lacunoso della sua famiglia. Non può immaginare che questa decisione la costringerà a sbattere contro scogli antichi, che anche il diavolo avrebbe voluto evitare. Quello che sembrava un incontro causale con Yorgos, l’uomo misterioso dell’Isola, non sarà per lei la terra promessa che da sempre cercava, ma un incubo che rivelerà, con il tempo, la sua natura deviata. In fuga da un destino che pare segnato, Angela dovrà fare i conti con la prigione fisica e mentale che si era costruita sin da bambina; intanto Yorgos, guasto e degenerato nel profondo, sarà il deus ex machina di tutta la narrazione; nascosto nel buio del suo rancore, giostrerà le vite di tutti i Colleoni per mettere in atto la sua vendetta, costruita in Grecia vent’anni prima. Padrone del Gioco: un giro d’anime malate, sofferenti e umiliate, che si dovranno confrontare con il cuore nero e violento della vita. Preparatevi a comprendere l’origine malsana della violenza domestica. Preparatevi ad affrontare un viaggio tra le fiamme dell’inferno, dalle quali nessuno si salverà.  

Comments

comments

LEAVE A REPLY