I cachi di Nagasaki simboli di pace e vita per gli studenti bresciani

0

(e.b) Come accade dal 2000, anche quest’anno al museo Santa Giulia di Brescia si è svolta la giornata dedicata alla raccolta dei cachi nati dall’albero di Nagasaki sopravvissuto al disastro nucleare del 1945 e i cui figli sono stati piantati in diversi luoghi del mondo, tra cui anche il museo cittadino, oltre ad alcune scuole di Valtrompia, Valcamonica e del lago di Garda.

Alla cerimonia di raccolta hanno partecipato diverse scuole della città, tra cui il liceo musicale Veronica Gambara che ha presentato e riempito l’evento con intrattenimenti di carattere musicale, e le scuole primarie Calini e Ugolini. A loro l’assessore all’Istruzione, Roberta Morelli e il vicesindaco Laura Castelletti si sono rivolte per sottolineare l’importanza simbolica di questo albero “che ogni anno diventa un’occasione per ricordare i valori della pace, della vita e del rispetto dell’essere vivente”, ha commentato la Castelletti, ma anche “una memoria storica che porterete con voi per il resto della vita”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome