A Mompiano l’An Brescia sfiderà la temibile Acquachiara

0

Una partita di cartello è in programma alla piscina di Mompiano: sabato, per il sesto turno d’andata, l’An Brescia riceverà (alle 17 – l’anticipo di un’ora rispetto al consueto orario, è stato chiesto dagli ospiti per evitare il rischio di perdere il volo di rientro -) la Carpisa Yamamay Acquachiara, squadra in ottime condizioni, come ben testimonia il secondo posto in classifica (in compagnia dello Sport Management). Da tempo, la squadra di Paolo De Crescenzo (tecnico tra i più vincenti, in Italia) si sta imponendo ai vertici della pallanuoto nazionale, e, quest’estate, l’organico del team napoletano si è arricchito con giocatori di valore come il difensore Simone Rossi (arrivato dal Posillipo, club dove è maturato dopo gli inizi a Brescia), il centroboa Luca Marziali e il centrovasca Giacomo Lanzoni (entrambi dal Bogliasco), il mancino Matteo Astarita (dalla Promogest, con alle spalle una stagione a Brescia), il difensore Matteo Gitto (dalla Florentia). Ma non solo: all’Acquachiara sono approdati altri tre elementi di prima qualità, nonché ex Brescia, come il centroboa croato, Fran Paskvalin (arrivato dal Budva), il portiere Francesco Caprani (dal Como) e Giuseppe Valentino, fino all’anno scorso uno dei riferimenti della difesa An. Se, poi, a questo elenco, si aggiungono i nomi del difensore Amaurys Perez (campione del mondo, con l’Italia, a Shanghai 2011), dell’attaccante croato, Antonio Petkovic (attuale capocannoniere della A1) e del nazionale tricolore, Stefano Luongo, si ha un’idea ancora più chiara sul potenziale della compagine partenopea.

 

Dunque, per Presciutti e compagni un altro importante banco di prova da affrontare con la massima determinazione: «L’Acquachiara – afferma il portiere dell’An, Marco Del Lungo – è senz’altro in forma, ha ottenuto vittorie di peso come quella nel derby con la Canottieri e quella con il Savona, ed ha perso di misura con lo Sport Management, squadra che ha messo in serie difficoltà il Recco. Sono abituati a lottare e dovremo affrontarli con tutte le attenzioni del caso. Hanno individualità di grande rilievo come Petkovic, Perez, Luongo, Paskvalin, e poi hanno Peppe Valentino, grande amico che, da avversario, va preso con le pinze. Ma, al di là dei singoli, tutto l’organico è di qualità e questo anche in virtù di un allenatore di primissimo livello come De Crescenzo. Comunque sia, noi dobbiamo concentrarci sul nostro gioco, dando il massimo in ogni azione. Come rendimento, stiamo migliorando di partita in partita, e anche sabato faremo di tutto per continuare in questa direzione: incontrando avversari tosti, si cresce più in fretta, e, anche per questo, la sfida con l’Acquachiara sarà un test probante».          

Comments

comments

LEAVE A REPLY