Detenzione illegale di fucili da caccia rubati: in arresto due giovani fratelli di Piancamuno

0

Settimane di lavoro intenso per i carabinieri di Valle Camonica e alto Sebino. Dopo il fermo, e il processo per direttissima, della romena 39enne che ha creato scompiglio in un supermercato di Darfo (leggi la notizia), e l’arresto di un pluripregiudicato agli arresti domiciliari trovato in un bar a Pisogne, c’è da registrare il fermo di due giovani fratelli di Piacamuno.

Dopo alcune settimane di indagini i carabinieri di Artogne nella notte tra venerdì e sabato hanno trovato nell’abitazione di Pisogne dei due fratelli ben 3 fucili da caccia oltre a munizioni, reti per la cattura di volatili e 11 gabbie con relativi uccelli da richiamo. Le armi sono rislutate essere rubate lo scorso 24 ottobre a un cacciatore.

Il giudice davanti al quale sono stati portati i due fratelli, di 20 e 28 anni, ha disposto per loro la misura cautelare con obbligo di dimora nel comune di residenza.
(a.c.) 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. La tradizione venatoria bresciana va salvaguardata: restituiamo almeno le reti per catturare i volatili e relativi uccelli da richiamo. Anzi, si faccia subito avanti Sala con una interpellanza in Regione Lombardia.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome