Prende il figlio a martellate e lo uccide col coltello: una tragedia annunciata

0
Bsnews whatsapp

Tragedia familiare, nel primo pomeriggio di oggi, nel quartiere Pendolina. Secondo quanto risulta a BsNews.it, infatti, un uomo di 72 anni ha ucciso il figlio 40enne al culmine dell’ennesima lite. L’episodio è accaduto al quarto piano di un condominio di via Rotonda Montiglio. Il presunto omicida ha colpito il figlio prima con un martello, per poi finirlo con una coltellata alla pancia. La vittima è Sergio Zucca, mentre il carnefice è il padre, Franco Zucca. Stando alle prime ricostruzioni, il 40enne ucciso (padre di due figli, un maschio di 20 anni e una femmina di 16 anni) avrebbe manifestato in diverse occasioni segni di squilibrio, sia prima che dopo la morte della madre, deceduta 5 anni fa. E sarebbe anche stato protagonista di diverse liti, con la ex moglie e con il padre. Proprio quest’ultimo, nell’ennesimo diverbio, l’ha ferito a morte. "Non era un uomo violento, avrà perso la pazienza", racconta un vicino di casa con il quale Sergio sembra che si sfogasse spesso, sempre a causa del figlio. Ad avvisare i carabinieri, che stanno indagando sul caso, è stato proprio il padre 72enne, mentre la vittima si è trascinato giù dalla scale per poi accasciarsi a pochi metri dal portone, dove l’ha soccorso l’ambulanza inviata sul posto. 

A quanto raccontano alcuni vicini di casa la vittima avrebbe avuto precedenti di droga e un rapporto difficile con il padre. 

 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. quoto, la smettiamo di fare sparate politiche su tragedie come questa?
    Ci sono tanti altri articoli dove sfogare i propri istinti (a prescindere dal credo politico).

  2. Mi piacerebbe molto vedere queste giustissime e sacrosante levate di scudi contro la speculazione sui morti anche quando gli avvenimenti di sangue riguardano degli stranieri. Se, ciao.

  3. se leggo le stesse cavolate anche in quei casi non ti preoccupare che scrivo lo stesso (non mi chiederai spero di stalkerizzare bsnews in attesa di casi di questo tipo :)), e te lo ripeto: questo discorso non vale solo per te,è più generale.Vale anche per quelli che fanno la stessa cosa per l’appunto quando il criminale è uno straniero. Quando l’esito è così drammatico ci si dovrebbe fermare a prescindere.

  4. Da una tragedia come questa le domande che dovrebbero sorgere, a mio parere, sono: a quali servizi sociali ci si può rivolgere quando si è in una situazione come quella che ha generato questo omicidio? che tipo di risposta possono dare questi servizi? quanto investono all’anno le varie istituzioni per questi servizi sociali? quanti addetti lavorano, per esempio a Brescia, in questi servizi? Se le risposte a questi quesiti portano a concludere che, di fatto, i cittadini sono lasciati a sé stessi, o ci si mobilita per cambiare la situazione o si è corresponsabili.

  5. Uno può anche rivolgersi alle autorità, ma fino al morto o al ricovero i ospedale, non possono fare nulla. Se avete un vicino che vi minaccia di morte, dovete solo pregare che stia solo bluffando. Se andate dai carabinieri e lo diffidate, sperate che gli basti. Altrimenti la prossima campana rischia di suonare per voi.

  6. Dare la vita e toglierla. Quanti ricordi accompagneranno quel le resta della vita ormai perduta di questo padre. Non si può non trovare dispiacere per il figlio ma anche grande compassione per il padre. Hanno perso tutti, abbiamo perso tutti.

  7. Dare la vita e toglierla. Quanti ricordi accompagneranno quel le resta della vita ormai perduta di questo padre. Non si può non trovare dispiacere per il figlio ma anche grande compassione per il padre. Hanno perso tutti, abbiamo perso tutti.

RISPONDI