Chiuso laboratorio tessile cinese: lavoratori irregolari e mancanza di igiene

0

E’ stato chiuso un laboratorio cinese in via Fratelli Bonardi, zona via Milano. Su segnalazione giunta alla Questura gli agenti della squadra mobile e il personale  dell’Asl hanno provveduto a controllare l’immobile, per verificare le condizioni di lavoro al suo interno e l’eventuale presenza di eventuali cittadini irregolari.

 

Il controllo è iniziato alle ore 20.00 circa: gli agenti hanno trovato all’interno dello stabile, dove c’era anche la titolare 45enne, 43 postazioni di lavoro per la cucitura e stiratura di capi di abbigliamento e 19 dipendenti, tutti di nazionalità cinese. Al termine dei controlli gli agenti hanno riscontrato la presenza di tre cittadini sprovvisti di permesso di soggiorno e di cinque sprovvisti di regolarizzazione contrattuale e retributiva. Inoltre nel locale erano anche allestiti cinque letti di fortuna e una cucina.  Il oersonale ASL ha contestato violazioni alla normativa antinfortunistica, la non sicurezza del luogo di lavoro e l’assoluta mancanza di igiene. Quindi è stata disposta l’immediata sospensione dell’attività lavorativa e la titolare F.Y., è stata indagata per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Tre cittadini stranieri sono stati inoltre indagati per irregolarità sul territorio.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Ma, com'è finita ? Qualcuno potrebbe spiegare quel è stato l'epilogo di questa operazione ? Irregolari, regolari ma senza contratto, norme igieniche…(ma esistono delle norme ? Igieniche o di altro tipo ?), laboratorio chiuso e………IL RISULTATO, vorrei conoscere IL RISULTATO. GRAZIEEEEEEEEEE !!!!

  2. Beh, almeno sotto il profilo del lavoro nero l’integrazione culturale evidentemente c’è stata: 1 su 4 lavorava del tutto o parzialmente in nero, praticamente come in buona parte degli esercizi pubblici, delle imprese edili e delle fabbrichette. Se poi consideriamo tutto il lavoro dipendente abilmente mascherato da partite iva, collaborazioni, contratti a progetto, apprendistato fasullo e partecipazione a società cooperative, magari scopriamo che questo laboratorio era un esempio di correttezza…

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome