Pallanuoto, per l’An Brescia buona la prima… e pure la seconda

0
Bsnews whatsapp

Nessuna sindrome da appagamento e nessun calo di tensione: dopo la netta vittoria di ieri sera con il Posillipo, questa mattina, a Napoli, nel secondo match del girone D di Coppa Italia, l’An Brescia (in calottina bianca per questioni di sorteggio) supera 18 a 1 la Canottieri (3-0, 5-1, 3-0, 7-0, i parziali). Da parte An, nessuno sconto alla giovane squadra di Paolo Zizza, per altro penalizzata da rilevanti assenze (Di Costanzo, Migliaccio e Baraldi), a dimostrazione di una costante voglia di continuare a migliorare nel corso di una stagione che, proprio in questo periodo, sta entrando in una delle prime fasi cruciali. Solo un gol subito (in parità), tutte le inferiorità numeriche (quattro) neutralizzate e un più che eloquente 100% (5 su 5), con l’uomo in più: questi alcuni dei dati che fotografano una partita a senso unico, nella quale i ragazzi di Sandro Bovo (Brando Dian compreso, in acqua nell’ultima frazione) hanno avuto modo di creare, e concretizzare, una notevole mole di gioco, il tutto con la determinazione che serve non solo per portare a casa una vittoria senza discussioni, ma anche per affinare la preparazione del gruppo. «Nella sfida di stamattina – dice il vice presidente dell’An, Alessandro Morandini -, non c’è stata storia, i ragazzi si sono espressi con grande concentrazione e, fin dalle prime battute, s’è creato un divario incolmabile. Volendo continuare a crescere, era importante affrontare la sfida con grande attenzione e con decisione, in ogni frangente di gioco; direi che ci siamo riusciti. Ma, senz’altro, non vogliamo accontentarci, anche perché non abbiamo tagliato alcun traguardo, il cammino è ancora molto lungo e la voglia di migliorare non è di certo esaurita».           

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI