Provincia, è subito scontro. Fdi, peroniani e leghisti fuori dall’aula

10

E’ stato un consiglio provinciale all’insegna della polemica politica il secondo dell’era Mottinelli. Nella seduta di questa mattina, infatti, le opposizioni del gruppo Comuni in Provincia (in particolare Fdi e i dissidenti forzisti) e della Lega hanno aperto i lavori di Palazzo Broletto definendo illegittima la seduta e dichiarando di fatto guerra al neo presidente. Per poi uscire dall’aula in segno di protesta.

Mottinelli aveva avviato la seduta (intorno alle 10) annunciando che entro il 5 dicembre la giunta regionale delibererà il disegno di legge sull’attribuzione delle deleghe alle Province, che poi dovranno ratificarlo entro il 31 dicembre. Quindi – tra le prime scintille con il presidente – ha preso la parola la peroniana Nicoletta Benedetti che ha letto un documento a nome dei colleghi Zanardini, Maffoni e Flocchini per chiedere di “rinviare tutte le deliberazioni all’ordine del giorno in quanto sarebbero illegittime come la convocazione del consiglio”. Dura la replica di Mottinelli, che – supportato dal parere dei tecnici – ha ribadito la legittimità della seduta e sottolineato che le istanze delle opposizioni potrebbero comunque trovare ascolto in commissione. Ma – ribadendo l’atteggiamento di apertura verso il civico di sinistra Lama – ha alimentato la polemica: “Prendo atto che a quattro consiglieri non interessano i lavoro del consiglio: a loro vorrei ricordare che possono dimettersi lasciando spazio ad altri”. Inutile anche la richiesta di sospensione del leghista Giovanmaria Flocchini. Mentre sul fronte della maggioranza è da registrare l’intervento del vicepresidente (e segretario di Forza Italia) Alessandro Mattinzoli, che ha attaccato l’ex sodale Benedetti: “Mi pare chiaro che è collocata all’opposizione, e comunque non comprendo che senso abbia il suo atteggiamento in un ente di secondo livello, tanto più alla luce delle aperture di Mottinelli”.

Quindi la seduta è ripresa con gli altri punti all’ordine del giorno (Programma di mandato del presidente, un piccolo assestamento al bilancio, indirizzi per le nomine nelle società controllate e linee guida per Expo) ma senza i quattro dissidenti, che hanno abbandonato l’aula. Le linee programmatiche sono state approvate con 11 voti favorevoli e un solo astenuto (Lama).

Comments

comments

10 COMMENTS

  1. Credo che la cosa più sconcertante sia la polemica all’interno di Forza Italia,,, Che aspetta la Gelmini a cacciare quelli che votano contro il partito?

  2. Ha fatto benissimo Mottinelli…. Qualcuno non ha capito che in Provincia si rappresentano i cittadini, non si fa politica di partito….

  3. per cacciare qualcuno si dovrebbe essere eletti e non nominati dall’alto senza aver raccolto consensensi di tipo personale, ma solo voti di partito. Il coordinatore Signora Gelmini è stata nominata da Arcore e non dagli elettori. Chi vota contro il Partito? quale? quello che fa gli accordi a Milano in tre o quattro e poi dice agli elettori, in questo caso sindaci e consiglieri comunalei che a rappresentarli non saranno dei colleghi da loro scelti ma nominati dalla gelmini senza chiedere il loro parere, e poi su quale programma, nessuno. tanto è vero che il Mottinelli il suo programma lo ha consegnato solo dopo essere eletto. Chi a questo punto andrebbe cacciato? e poi perchè ci stupiamo che il partito abbia perso più della metà dei voti? perchè ci si stupisce che la lega prenda il doppio dei voti di Forza Italia. Aggiungo i candidati, una volta, venivano scelti tra chi si era distinto sul territorio, ora si fanno i casting ad Arcore a persone accompagnate e selezionata dal cerchio magico. basta con Forza Silvio, è ora che si passi a forza italia.

  4. Evidentemente deve chiamare Renzi o Delrio perché più volte hanno dichiarato che le Provincie sono state chiuse. Ed io ci sento e leggo bene.

  5. Spettacolo desolante e deprimente, al limite della farsa e del grottesco. Il tutto in assenza palese sia di democrazia rappresentativa e men che meno partecipativa. Un accozzaglia di di ex-nemici e neo-amici, di massimalisti e poltronisti che disquisicono sul nulla per decidere il nulla. Avanti così e prima poi ci sarà la presa della Bastiglia, invitabilmente.

  6. la provincia non esiste esistono i posti da dividere tra di loro le nomine dirigenti, le nomine nelle partecipate, gli appalti da concedere, i fondi da distribuire, i contributi da elargire MA LA PROVINCIA NON ESISTE

  7. I signori consiglieri e il sig. Presidente per le loro cariche prendono rimborsi spese o un qualche tipo di indennità???Ce lo facciamo sapere , per cortesi, i dotti e informati elettorimilitantipid dini sostenitori del sig. Renzie. almeno sbugiarderanno coloro che sostengono che "i costi della politic sono diminuiti ". Bye, bye….

  8. intanto il presidente si e’ preso o si sta prendendo dei collaboratori ovviamente pagati dai cittadini tutti nulla di male per carita’ si sapeva pero’ dire che si sono abolite le provincie e dire che tutto gratis sono solo delle belle BUGIE

LEAVE A REPLY