Carlo Boccadoro interpreta uno degli ultimi capolavori di Karlheinz Stockhausen

0

Venerdì 5 dicembre alle 18.00 presso il Ridotto del Teatro Grande si terrà l’ultimo appuntamento della Stagione 2014 della Società dei Concerti del Teatro Grande: protagonista al pianoforte sarà il Maestro Carlo Boccadoro che interpreterà uno degli ultimi capolavori di Karlheinz Stockhausen.

Natürliche Dauern è una passeggiata attraverso l’invisibile, un paesaggio unicamente sonoro creato da uno dei compositori più significativi del XX secolo. Un ciclo pianistico di 24 brani che si susseguono senza interruzione, in un vero e proprio caleidoscopio di momenti lirici, percussivi, estreme rarefazioni del suono e improvvise accensioni.

Carlo Boccadoro, compositore e pianista, fondatore dell’ensemble Sentieri selvaggi, affronta dal vivo per due ore e mezza la partitura con spirito di scoperta, rendendola enigmatica e meditativa, mentre il pubblico può ascoltare, entrare e uscire dalla sala a suo piacimento, come se osservasse il firmamento, sapendo che può interrompere la visione e riprenderla quando vuole.

I biglietti per il concerto sono in vendita alla Biglietteria del Teatro Grande e sui siti teatrogrande.it e vivaticket.it (orari di apertura della Biglietteria del Teatro Grande: dal martedì al venerdì dalle 13.30 alle 19.00 e il sabato dalle 15.30 alle 19.00).


Carlo Boccadoro ha studiato al Conservatorio "G. Verdi" di Milano dove si è diplomato in Pianoforte e Strumenti a Percussione. Nello stesso istituto ha studiato Composizione con diversi insegnanti, tra i quali Paolo Arata, Bruno Cerchio, Ivan Fedele e Marco Tutino. Dal 1990 la sua musica è presente in tutte le più importanti stagioni musicali italiane (Teatro alla Scala, Accademia di Santa Cecilia, Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, Biennale di Venezia, Teatro Filarmonico di Verona, Teatro Regio di Torino, MITO/Settembre Musica, Teatro Carlo Felice di Genova, Mittelfest, Teatro Comunale di Bologna, Ferrara Musica, Aterforum, Maggio Musicale Fiorentino ,Orchestra della Toscana, Cantiere Internazionale D’Arte di Montepulciano, Accademia Filarmonica Romana, Teatro Massimo di Palermo e molte altre). La sua musica è stata inoltre eseguita in molti paesi, tra i quali Francia, Spagna, Germania, Olanda (Concertgebouw di Amsterdam), Inghilterra, Scozia (Royal Academy di Glasgow) USA (Bang on A Can Marathon, Aspen Music Festival, Monday Evening Concerts di Los Angeles),Giappone. Luciano Berio gli ha commissionato nel 2001 per l’Accademia di Santa Cecilia un’ opera per ragazzi, La Nave a Tre Piani, andata in scena nella stagione 2005/2006 e successivamente ripresa dal Teatro Regio di Torino. Per il teatro ha inoltre composto il balletto Games (Teatro alla Scala, coreografia di Fabrizio Monteverde) e quattro opere di teatro musicale. Nel 1998 il progetto europeo "Il suono dei parchi" coordinato da Enzo Restagno, Roman Vlad, Gerard Grisey, George Benjamin e Louis Andriessen gli ha commissionato il brano Uber Allen Gipfeln per 10 strumenti. Nel 2003 il suo brano Bad Blood per pianoforte e 5 strumenti è stato selezionato dalla Rai per partecipare alla Tribuna internazionale dei Compositori dell’ UNESCO. Nel 2009 è uscito il disco Carlo Boccadoro (ed. RaiTrade). Nel 2011 gli sono stati commissionati diversi brani per alcune manifestazioni e stagioni musicali: "Variazioni per orchestra" per l’Orchestra Filarmonica della Scala, "Point of view" commissionato dalla Wayne State University di Detroit, "Ritratto di Musico" per la Gewandhaus Orcheste di Lipsia diretta da Riccardo Chailly, "Soul Brother n° 1" per l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma. È tra i fondatori del progetto culturale Sentieri selvaggi.

Comments

comments

LEAVE A REPLY