Mostra “Da Galli a Romani”, Rolfi (Lega): valorizzata la vocazione culturale di Brescia

0

"Una mostra davvero importante all’interno di un luogo simbolo straordinario durante il grande appuntamento di Expo. Tutti ingredienti che renderanno il territorio di Brescia ancora più attrattivo". Cosi l’assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia Cristina Cappellini interviene per presentare la mostra temporanea ‘Da Galli a Romani. La grande avventura nell’Italia del Nord prima di Cesare’, che si terra’ nel complesso museale di Santa Giulia e Capitolium a Brescia dall’8 maggio all’8 novembre.

"Regione Lombardia – ha continuato l’assessore – ritiene questa mostra uno delle maggiori e più importanti iniziative che metterà in campo in ambito culturale per Expo. Uno sforzo significativo anche a livello economico, con un investimento di 300.000 euro". "Una mostra – ha detto ancora l’assessore Cappellini – che sarà allestita in un contesto culturale di primo piano per tutta la durata dell’Esposizione Universale per permettere al maggior numero di persone di poterla ammirare". "La scelta del complesso di Santa Giulia – ha concluso l’esponente della Giunta Maroni – non e’ affatto casuale: Regione Lombardia infatti sta investendo molto in questo gioiello, che ricordo essere inserito dal 2011 nella lista dell’Unesco dei beni patrimonio dell’umanità".

“Questo è un ennesimo investimento di Regione Lombardia sul sito di S.Giulia”, commenta il consigliere regionale Fabio Rolfi, “che valorizza la ormai riconosciuta vocazione culturale e turistica della città e conferma l’attenzione di Regione Lombardia verso le nostre città”. “L’auspicio – prosegue il consigliere del Carroccio – è che il sito di S.Giulia, che, ricordiamolo, è stato oggetto di riconoscimento da parte Unesco possa continuare ad essere promosso e valorizzato per le sue peculiarità storiche ed artistiche e per il suo legame con le vicende della Brescia longobarda che hanno permesso tale premio. Questo auspicio deve vedere, evidentemente, l’Amministrazione Comunale di Brescia impegnata a riprendere e rilanciare la promozione di un riconoscimento che al momento sembra essere caduto nel dimenticatoio”.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Certo che ormai il nostro Fabio parla di tutto ,anche di cultura.È proprio vero che la Lega è cambiata.Una volta lui e franceschi parlavano solo di grandi progetti immobiliari e ora tratta solo argomenti complicati che parlano do coltura ,bravo Fabio.

  2. Dai, ogni tanto diamo una mano anche a Fabius Rolfus suggerendogli una citazione: la cittadinanza romana (il massimo per quei tempi…) venne ai cittadini di questi luoghi che finalmente si denominarono Brixiani, nientemeno che con l’iscrizione agli stessi alla tribù dei Fabii. Ecco, la prossima mostra in S.Giulia potrebbe arditamente essere: "Da Fabii a Fabio, romani e padani". Non chiedo copyright, ma niente male, eh ?

LEAVE A REPLY