Ragazzoni: “Corioni si siede al tavolo solo quando vede i soldi di Sheikh”

10

Dopo l’incontro di tre ore con il presunto acquirente del Brescia Calcio, Kadir Sheikh Abdul, che Ubi Banca ha giudicato non credibile, Luigi Ragazzoni non aveva voluto rilasciare dichiarazioni. Ora però, all’indomani dell’incontro il gestore unico della società di via Bazoli ha parlato con il Giornale di Brescia al quale ha raccontato che “l’incontro con Kadir Sheikh mi è stato sollecitato con l’obiettivo di ribadire la nostra posizione: Corioni non si siede al tavolo fino a quando non vede i soldi. Da parte sua aspettiamo ora un’evidenza fondi senza la quale è inutile continuare a parlare del futuro del Brescia”. Per poi aggiungere: “Noi non vogliamo lasciare nulla di intentato – ha proseguito – e con il signor Sheikh abbiamo individuato un conto corrente sul quale attendiamo di vedere un suo deposito già venerdì. Il nostro interlocutore si è detto pronto ad effettuare il transfer, noi lo attendiamo”.

Comments

comments

10 COMMENTS

  1. il peggio in realtà mi sembrano quelli di Ubi che per verificare le disponibilità di Sheikh ci hanno messo tre giorni quando ci volevano al massimo 3 minuti

  2. Sheik mette sul tavolo i suoi soldi e Corioni basta che metta sul tavolo quelli (effettivi) in euro della vendita di George Hagi al Barcellona. Tutto è bene quel che finisce bene…

  3. No, allora meglio metter sul piatto i 16 milioni di euro ufficiali per la vendita di Matuzalem preso a costo zero dal Parma e venduto allo Shakhtar Donetsk con quella clmorosa plusvalenza. Bei tempi, eh, Gino…

  4. Siamo la Leonessa d'Italia…. Risorgeremo. E da quando ho 7 anni che vado allo stadio e ora ne ho 33… La prima partita e stata in spalle a mio zio… L 'ultima sarà quando nn c'è la faro più fisicamente spero da qua a 50anni. I mie più cari amici li ho conosciuti in curva e quella curva mi ha insegnato a nn mollare mai . Falliremo ma nn moriremo. Siamo Bresciani

  5. Più volte ho espresso qualche opinione su UBI. Ribadisco però che in ogni banca le tecniche di affidamento e le analisi di bilancio non sempre guidano, ed hanno guidato in passato, l’erogazione del credito: ci sono anche, purtroppo e soprattutto a certi livelli, conoscenze, relazioni consolidate, rapporti fiduciari che inducono a deliberare linee di credito oltre i limiti della mera praticabilità tecnica. Non è un segreto che il Brescia Calcio e Corioni godessero di eccellenti e consolidati rapporti con l’allora Credito Agrario Bresciano creatura dell’avv.Faissola, poi divenuto numero uno di Banca Lombarda e quindi di UBI. Dopo la scomparsa di Faissola, ed a fronte di un indubbio rigore interventuto in generale nell’erogazione del credito da parte di UBI, anche al "tergiversare ed al prendere tempo" con la società di Corioni dovrebbe quindi essere stato posto un limite finale. Peraltro si parla senza conoscere esattamente la posizione debitoria in dettaglio (quantitativa e qualitativa) e le garanzie che, almeno in parte, dovrebbero assistere il credito. Vediamo e speriamo comunque in qualche seria soluzione.

  6. questo è il bilancio finale di una gestione brescia calcio che resta lo specchio della società e dek suo prsidente che ha pesro le sue commesse una dietro l’altra come birilli .
    Ma a lui che gliene frega del berscia calcio ? nulla perchè sino a che "fruttava qualcosina" in termini di ricavi stava in sella a fare il padrone , poi la storia ha preso una piega diversa , l’UBI ha iniziato a chiudere i rubinetti ed ecco la lagna del presidente lasciato solo dagli imprenditori bresciani che avrebbero dovuto aiutarlo ! bella pretesa caro presidente , in 20 anni non hai apportato un che di misero progetto , non hai creato un centro di proprietà del brescia calcio , non hai fatto una sua sede , non hai fatto niente perchè non hai programmato niente e senza alcuna strategia e piano industriale , senza investire un euro nel brescia , hai solo preso e basta . per questo gli imprenditori bresciani seri non si accolleranno mai i tuoi di debiti perchè in 20 anni non hai costruito nulla , anzi hai devastato tutto a tuo piacimento. quando c’era mazzone e avevi uno squadrone con toni , matuzalem, mauri etc et allora non li volevi i soldoni x il tuo brescia , chiedilo a ghirardi ! troppo comodo adesso puntare il dito sugli altri imprenditori !
    paghi la tua mala gestione , la gestione personale di tutto , dagli amici e parenti con i quali hai condiviso la torta brescia dando incarichi a dx e a sx senza che apportassero un bel niente , tanto l’arrosto bel piatto era soloo fumo . diciamolo corioni , di bresci calcio hai vissuto bene per quasi venti anni , prima eri a bologna dove non è che hai lasciato proprio un bel ricordo……
    Mi auguro che nessuno comperi il tuo di brescia , vuoto come una scatola vuota e con un parco giocatori che se tutti insieme compresi i primavera valgono 3 milioni di euro è tanto. hai depauperato persino il parco giovani , vendendo i gioiellini ancora prima che nascessero eti sei basato esclusivamente delle tue di scommesse , nelle campagna acquisti fallimentari , negli allanatori obbligati a far giocare i ragazzaini da vendere subito dopo, di conseguenza quelli seri di allenatori che non sottostavano al tuo diktat te li sei messi alla porta tu , ingaggiando quelli che anche se scarsi pur di avere un contratto stavano alle tue condizioni…..quind i alle tue di scommesse , perse .
    ora è giunta l’ora che sparisci , che non becchi un quattrino in più dal brescia calcio che mi auguro fallisca e possa rinascere con un progetto vero e serio , con dei dirigenti che invece di essere amici degli amici e basta, abbiano capacità di pianificazione, di investimento, di progetto a medio lungo termine come lo è l’atalanta mi dispiace dirlo ma è così.
    da sempre con la tua gestione abbiamo subito umiliazioni di ogni sorta , il ricordo di baggio è ormai cancellato da quello che dopo è successo, non hai saputo rinnovarti corioni, non hai voluto investire un euro in un progetto tanto da farne il tio di slogan per i polli ma la realtà invece è stata sempre questa ……scommesse e null’altro !

  7. anche l’entella ha un centro sportivo , a brescia no , affitti su affitti ma mattoni veri un k….zo , oltre alla carta non vi è altro di proprietà brescia . il marchio ? e che vale questo marchio prestigioso ? i 50 milioni di euro chiesti allora a ghirardi che si comprò il parma ? caracciolo ? a già , è da nazionale come eravamo da champion league …vero corioni ? il grande progetto brescia etc etc …..si potrebbe scrivere una enciclopedia sulle " amenità " corioniane con le quali ha " ciurlato nel manico " x 20 anni e ciulato i tifosi , e te lo sei spolpato sino all’osso il brescia calcio ………ma la pappa è finita , ora paga il conto !

  8. VOGLIAMO LA STATUA DI CORIONI AL POSTO DEL BIGIO…………..A IMPERITURO RICORDO DEL…PROGETTO BRESCIA !!
    STATUA IN BRONZO SORRETTA A DESTRA DA NANI E A SINISTRA DA MAIFREDI….E UN COROLLARIO DI PUTTI ANGELICI ALLA BASE CON LE FACCINE DI QUELLI CHE AL BRESCIA CALCIO HANNO DATO POCO E HANNO PRESO TUTTO .
    Rondinelle ormai soltanto bei merli ……

LEAVE A REPLY