Caffaro, Cgil: “Servono un piano di bonifica e finanziamenti adeguati, altrimenti è inutile”

0

Con un comunicato la Cgil di Brescia interviene per commentare la situazione del sito Caffaro, emergenza bresciana e nazionale. Il sindacato chiede infatti che “ l’individuazione del commissario si accompagni alla definizione del Piano complessivo di bonifica della sin-Caffaro corredato da un Piano finanziario adeguato”.

DI SEGUITO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO:

Con rammarico abbiamo appreso dai quotidiani dell’abbandono dell’indicazione del dottor. Giulio Sesana a possibile futuro Commissario per la Bonifica del sito di interesse nazionale Caffaro. Altra è infatti l’indicazione suggerita a livello locale ed ora al vaglio del Ministero dell’Ambiente.

Ciò premesso e come da tempo abbiamo sostenuto chiediamo che l’individuazione del commissario si accompagni alla definizione del Piano complessivo di bonifica della sin-Caffaro corredato da un Piano finanziario adeguato, fin’ora mai entrati negli obiettivi dei soggetti istituzionali (Ministero, Regione, Comune). In assenza, non si comprenderebbe l’insistenza per la nomina del Commissario (per fare che cosa? Con quali soldi?), tanto più considerando l’esperienza fallimentare e dispendiosa dei commissariamenti italiani senza alcun risultato in termini di bonifiche concretamente realizzate.

Non volendo rassegnarci a credere che una bonifica cosi importante per la salute della popolazione bresciana sia affidata all’individuazione di interventi di volta in volta indicati al seguito di eventuali finanziamenti che possono arrivare, il Piano complessivo di bonifica è prioritario e irrinunciabile.

Si tratta di rendere evidente l’insieme degli interventi che si debbono affrontare rendendone esplicite le priorità e le procedure, e soprattutto attivando le risorse finanziarie necessarie alla loro realizzazione.

Comments

comments

LEAVE A REPLY