Si impiglia nelle reti e resta senza ossigeno: muore sub nelle acque del Sebino

4
Bsnews whatsapp

La causa dell’incidente sarebbero delle reti da pesca nelle quali è rimasto impigliato. E’ finita in tragedia l’immersione di un sub che, sul lago d’Iseo, al largo di Tavernola, è rimasto senza ossigeno ed è morto. E’ successo questa mattina attorno alle 10.30. A dare l’allarme, come si legge sul Giornale di Brescia, è stato l’amico e compagno di immersione che, prima ha cercato di aiutarlo con il suo ossigeno, e poi ha chiamato i soccorsi. Nonostante l’arrivo immediato dei vigili del fuoco e degli operatori del 118 non c’è stato nulla da fare: le condizioni dell’uomo erano già disperate. il sub ha perso la vita durante le operazioni di salvataggio, che si sono rivelate molto complesse anche per la profondità delle acque. 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

4 COMMENTI

  1. Per Saretta, cosa significa vietare il "sub" al limite semmai volevi dire vietare l'immersione in quel punto o forse non è meglio chiarire come mai vi erano delle reti non segnalate da appositi galleggianti riportanti riferimenti del pescatore professionista o del proprietario come dovrebbe essere regolarmente, cosa assai rara ultimamente….quell o è un sito di immersioni nei fine settimana….perché proibire questo sport? Iniziamo a controllare chi mette le reti irregolari !!!

  2. chi ha lasciato queste reti senza segnalarle ? a me è capitata la stessa cosa , per fortuna non ero in profondità e per risalire ho dovuto lasciare la maschera e boccaglio impigliati nella rete e sono riemerso.
    io ero in immersione di sera , ma anche di giorno a 15 metri il lago d’iseo è buio come una tomba e pezzi di rete non si vedono per niente , morire così non si può !

RISPONDI