Liberi dal gioco d’azzardo, la Cisl sostiene la campagna in Lombardia

0
Bsnews whatsapp

Cisl si mobilita contro il gioco d’azzardo. Lo fa sostenendo la campagna nazionale “Liberi dal gioco d’azzardo. Con l’azzardo ti giochi la vita” che in Lombardia entrerà nel vivo in questi primi mesi dell’anno.

L’iniziativa si propone di sensibilizzare l’opinione pubblica smontando i messaggi illusori di “vincite facili” diffusi dall’industria dell’azzardo. L’adesione della Cisl – che avviene nell’ambito del più ampio progetto “Mettiamoci in gioco” lanciato nel 2012 – è motivata non solo dall’impoverimento economico delle famiglie, dei lavoratori, dei pensionati che il fenomeno determina, ma anche dal fatto che in una situazione già di incertezza occupazionale e di difficoltà economica, il gioco d’azzardo rischia di portare un ulteriore impoverimento relazionale e sociale, con conseguenze drammatiche sui contesti familiari e sul territorio.

Il gioco d’azzardo ha conosciuto un successo travolgente nel nostro paese, tra i primi al mondo per consumo di giochi. Si è passati da un fatturato di 24,8 miliardi di euro nel 2004 agli 88,5 miliardi del 2012. Solo nel 2013 vi è stato un leggero calo del fatturato, fermatosi a 84,7 miliardi, probabilmente per la dura crisi economica che sta attraversando il paese. Il 56,3% del fatturato viene dagli “apparecchi” (slot machine e vlt), ma è in significativa ascesa il gioco on line.

Si stima in 17 milioni (42% delle persone residenti in Italia tra i 15 e i 64 anni) il numero di coloro che hanno giocato almeno una volta in un anno, in 2 milioni gli italiani a rischio minimo e in circa un milione i giocatori ad alto rischio (600-700mila) o già patologici (250-300mila).

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. E' tutta una commedia per mettere in ginocchio i privati. Condivido la campagna ma se fosse fatta a 360gradi. Via i gratta e vinci dalle tabaccherie ed estrazione dei giochi una volta alla settimana com'era una volta, non ogni 5 minuti.

RISPONDI