In Porsche a 192 chilometri orari in A4: “Guidava nonno Vinicio”

3

Quando le è arrivata la multa per eccesso di velocità per essere passato in A4, tra Brescia e Desenzano, ai 192 chilometri orari e a bordo della sua Porshe, un 36enne veronese ha risposto: “Era mio nonno Vinicio alla guida”. Peccato che il nonnino in questione al momento dei fatti si trovasse ricoverato in ospedale per alcuni accertamenti.

Il 36enne è così’ stato denunciato per falso, con gli atti trasmessi alla procura di Brescia. Ma non solo. Per lui è scattato anche il ritiro della patente di guida

Comments

comments

3 COMMENTS

  1. Perdonami, sarà l’ora tarda… Cosa ci sarebbe di disdicevole nel riportare una notizia di semplice cronaca? O si possono pubblicare liberamente articoli giornalistico purché siano liberamente non disdicevoli? Mi vanno sorridere di più altre notizie, questa è la segnalazione del classico stupidotto all’italiana che pensa di fare il cazzaro per pararsi il didietro… Vuoi fargli i complimenti?

  2. Per me è "disdicevole" che uno vada a 192 kmh in autostrada. Ed è "disdicevole" che dia la colpa al nonno per pararsi il c. E, con tutti i problemi che affliggono gli Italiani, è "disdicevole" che il "pilota" anzichè fare fronte alle proprie responsabilità "affligga" il sistema giudiziario che avrebbe ben altro di cui doversi occupare. Non le pare, Pietro?

  3. un ulteriore prova che il sistema dei punti va rivisto. capita spesso che chi ha i denari paghi per non segnalare il nome. Ora pero’ non si puo’ piu’ per cui capita che certe persone , dietro pagamento di denari, forniscano elenchi di "nonni" a cui eventualmente togliere i punti e ovviamente per la multa e per "la consulenza" pagano cosa volete che sia briciole !!!!! A questo sfigato e’ andata male. Ma giusto che i mass media riportino queste notizie si sa mai che qualcuno pensi a "riformare " in meglio (difficile) il sistema dei punti patente

LEAVE A REPLY