L’An Brescia si prepara alla sfida con i Canottieri di Napoli

0

Sulla strada dell’An Brescia, un altro avversario in buone condizioni di forma: dopo la Lazio che arrivava da sei risultati utili in sette giornate, domani, per il tredicesimo turno di regular season, la squadra di Sandro Bovo se la vedrà con la Canottieri Napoli, reduce dalla netta vittoria (10 a 4) sulla Rari Nantes Savona. L’appuntamento è alle 18, alla piscina di Mompiano. Il successo sul Savona, ha permesso alla formazione di Paolo Zizza di arrivare a soli tre punti dalla quinta posizione in classifica, occupata proprio dal team ligure, riconfermando la giovane compagine partenopea tra le realtà in piena lotta per la zona play-off. Salvo miracolosi recuperi dell’ultima ora, la Canottieri arriverà a Brescia senza una delle pedine di riferimento, ovvero Fabio Baraldi (con il Savona, il centroboa giallorosso ha subito un brutto colpo all’orecchio sinistro), in ogni caso, per l’An, la sfida di domani si presenta come un altro test da affrontare con la massima attenzione. Pur priva del centro titolare, la squadra napoletana vanta un gruppo di giovani molto promettenti tra cui spiccano Alessandro Velotto (classe ’95), che ormai è presenza fissa nella nazionale maggiore, il mancino Edoardo Campopiano (classe ’97) e il portiere Gabriele Vassallo (’93); a garantire esperienza (unita alla qualità) sono il capitano Fabrizio Buonocore e l’altro mancino, Luigi Di Costanzo, arrivato in estate dall’Acquachiara. Non va, poi, dimenticato lo straniero, ossia il nazionale montenegrino, Darko Brguljan, capocannoniere della passata stagione e, quest’anno, sempre tra gli attaccanti più prolifici. Il compito del sette bresciano è dimenticare le ampie vittorie dell’andata (12 a 5) e di Coppa Italia (18 a 1), e scendere in acqua con tutta la concentrazione necessaria per concretizzare il grande lavoro tecnico-atletico, portato avanti in queste settimane.

 

«Il match di domani – dichiara il mancino dell’An, Alessandro Nora -, è un’importante prova di avvicinamento alla sfida di mercoledì con Kragujevac: dobbiamo giocare determinati e pronti ad eseguire con efficacia gli schemi preparati in allenamento. Considerata la probabile assenza di Baraldi, penso che la Canottieri tenterà di creare problemi con tanti movimenti e noi dovremo mantenere la lucidità in ogni situazione, qualsiasi intensità abbia lo sviluppo del gioco: daremo il massimo, soprattutto per verificare la tenuta mentale».           

Comments

comments

LEAVE A REPLY