La Curva Nord chiude per cori razzisti ma riapre con la condizionale

0
Bsnews whatsapp

La Curva Nord del Brescia chiude, ma solo se i fatti accaduti al Ferraris di Genova lo scorso 4 dicembre durante gli ottavi di finale di Coppa Italia non si ripeteranno. Secondo i collaboratori della procura federale che quel giorno hanno assistito all’incontro “ al 38’ della ripresa, circa 200 sostenitori della squadra bresciana, tra i circa 300 collocati nel settore ospiti Nord, indirizzavano ripetutamente all’allenatore blucerchiato Sinisa Mihajlovic, nel momento in cui veniva allontanato dal recinto di gioco, l’insultante coro "zingaro, serbo di m…", inequivocabilmente espressivo di "discriminazione per motivi di nazionalita’"; valutata la rilevanza disciplinare di tale comportamento, per la sua "dimensione" e la sua "reale percettibilita’"; rilevato che per la società bresciana trattasi della "prima violazione" in materia di comportamenti discriminatori dei propri sostenitori, il giudice ritiene equo quantificare la consequenziale sanzione nel minimo edittale in riferimento al settore dello stadio bresciano denominato Curva Nord, disponendo la sospensione dell’esecuzione”.

Il Brescia si gioca così la condizionale, ma sarà l’ultima volta. In caso contrario la Curva Nord resterà chiusa.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. I tifosi del Brescia riescono a superarsi di continuo. Stavolta vengono addirittura condannati per cori razzisti nei confronti dell’allentore della Sampdoria che è di nazionalità serba, ma associandola agli zingari, che, perseguitati da sempre e per secoli (mezzo milione trucidati solo dai nazisti nei campi di sterminio), sono presenti in tutto il mondo e in più di dieci milioni in tutta Europa, non solo in Serbia. Ma parlare di storia, dell’etnia orgiginaria indo-pakistana e poi dei rom e dei sinti, sarebbe troppo complicato per questi giovanotti che si spacciano per tifosi. Mànega de àsen: ecco forse in dialetto il commento si capisce meglio.

  2. Resto colpito del fatto che "per la società bresciana trattasi della prima violazione in materia di comportamenti discriminatori dei propri sostenitori". Non me lo sarei mai aspettato, davvero!!!!

RISPONDI