Nuovo Brescia calcio: pronti tre milioni ma manca ancora il presidente

0

Ora che l’operazione “salvataggio” Brescia calcio si è conclusa con successo, è tempo di dare qualche numero. Brescia Holding, srl creata all’inizio di febbraio, è passata da un capitale di 10mila euro agli attuali 1 milione e mezzo, tutti messi da Provida Spa, la società fiduciaria che dovrebbe proteggere gli investitori.

A quel punto Brescia Holding, passata da srl a spa, ha sottoscritto un aumento di capitale del Brescia calcio a 6 milioni di euro, cosa che le ha permesso di controllare il 99,8 per cento della società stessa. Lo 0,2 per cento è rimasto invece nelle mani della famiglia Corioni (e di Gino, presidente per 25 anni del Brescia calcio), ma entro la fine della settimana anche quelle quote entreranno nella Brescia Holding e al solo simbolico prezzo di un euro.

Mentre la gestione della società è affidata a Rinaldo Sagramola che dovrà rispondere agli azionisti di riferimento, la presidenza è ancora in forse. Sagramola ha già annunciato di voler convincere il presidente di Aib, Marco Bonometti, ad accettare l’incarico, ma il diretto interessato al momento non si è ancora espresso. Un impegno però è stato preso. Entro la fine di marzo la nuova proprietà si è impegnata a versare 3 milioni di euro per la gestione fino a giugno e la sistemazione delle situazioni debitorie. Poi sarà davvero aria nuova. Al Giornale di Brescia, Sagramola ha dichiarato: “Abbiamo progetti di crescita sportiva, ma anche societaria e a livello di strutture. Adesso la situazione è complicata per via dei risultati, ma poi penseremo in modo differente. Siamo ambiziosi questo non lo nego”.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. alla fiera dell’est…..questi con 2 soldi si comprano la societa’ , ovviamente il debito dei 50 milioni passera’ ormai in cavalleria…alla faccia dei correntisti UBI

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome