Arte in movimento, sabato 28 un incontro dedicato alla cultura e all’arte albanese

0

Sabato 28 febbraio, a partire dalle 14, il circolo “Aquila” organizza presso la propria sede, situata in via Giacosa 13, nel quartiere Sant’Eufemia, “Arte in Movimento”, un pomeriggio con musicisti, scrittori e artisti di origine albanese che vivono e operano in Italia.  Nati sull’altra sponda dell’Adriatico ma da tempo attivi nel nostro paese, gli artisti ospitati dal circolo “Aquila” si sono dati appuntamento a Brescia per esibirsi in concerti, mostre e letture. 

Alcuni presenteranno lavori in corso di realizzazione e opere compiute, altri illustreranno proposte, idee e progetti da condividere. L’evento, patrocinato dal Comune di Brescia, ha l’obiettivo di promuovere la cultura e l’arte che caratterizzano l’Albania, ma rappresenta anche un’occasione per questi artisti che hanno lasciato la terra d’origine per conoscersi, raccontarsi e superare l’isolamento e la solitudine che spesso li accompagna quando esprimono la propria creatività in una terra che non è la loro.

“L’arte rappresenta da sempre un grande ponte tra le culture”, osserva il vicesindaco e assessore alla Cultura, Creatività e Innovazione, Laura Castelletti. “Iniziative come questa si aggiungono alle molte che, anche attraverso i musei e il cinema Eden, mettiamo in campo per favorire l’incontro tra mondi diversi. Credo che conoscere e comprendere l’opera di questi artisti possa aiutare a cogliere non solo le loro radici, ma anche le nuove prospettive che nascono dalla loro vita nelle nostre città. Questi nuovi punti di vista sono loro come nostri e l’arte è senza dubbio il contenitore ideale per una sensibilità condivisa".

L’incontro del 28 febbraio, a ingresso libero e aperto a tutta la cittadinanza, è il primo di una serie che porterà, nel 2016, alla realizzazione del progetto "AlbArte". Questa iniziativa, promossa da varie associazioni attive sul territorio bresciano ma non solo, avrà inizio in città e richiamerà artisti e scrittori albanesi da tutta Italia.

Comments

comments

LEAVE A REPLY