La comunità Sikh di Brescia chiede di poter indossare il pugnale sacro

25

Si tratta a tutti gli effetti di un pugnale, ma è al contempo un simbolo religioso che la religione sikh prevede vada portato al fianco degli uomini. Da Brescia, grazie alla "Indian Sikh community Italy", presieduta da Kang Sukhdev, è partita la richiesta al Ministero degli Esteri per fare sì che i sikh possano ottenere il permesso di indossare il pugnale kirpan.

Il altri paesi, dove la presenza di immigrati sikh è più forte o è iniziata prima, il kirpan è tollerato, ma in Italia è ancora considerato un’arma bianca. Da qui la richiesta fatta da Kang Sukhdev che nei giorni scorsi, stando a quanto riportato da Bresciaoggi che riporta la notizia, ha incontrato funzionari del Ministero per spiegare i dettagli di un progetto. In pratica viene chiesto allo stato italiano di consentire ai sikh di portare sul fianco un kirpan del tutto simile a quello vero ma senza lama affilata. Certo la forma rimarrebbe potenzialmente pericolosa e contundente, ma non tagliente. 

La richiesta è stata depositata.
(Red.)

Comments

comments

25 Commenti

  1. Ma quale tolleranza: la legge è chiara. In Italia può essere detenuto un kirpan solo con regolare porto d’armi e custodito in un luogo, sicuramente non portato al seguito o indossato. I Sikh sono in Italia ? Bene, si adeguano e rispettano la legge italiana. Altrimenti possono sempre scegliere un altro Paese o tornare in India. Certo che, di questo passo, arriverà il giorno in cui, per assecondare la tradizione jihadista, qualcuno ci chiederà di poter portare liberamente a tracolla un Kalashnikov…

  2. ardom che la dis chi il prefet……a quando la sfilata di jihadisti coi pickup armati e le bandiere nere ?
    chiedetelo a fiano il prediletto , addetto del Pd ( poer diaol ) alla in -sicurezza nazionale insiema asd Al FANI ….ministrone degli intern..ati

  3. Ahhh, ahhh, ahhh, con tutto il rispetto per i Sikh e le loro Tradizioni religiose non riteniamo tollerabile e giusto che uno Stato sovrano possa accettare una richiesta del genere. Ah, ma parlavamo di uno Stato sovrano. Cosa che l’Italia non è più da quasi settant’anni….

  4. Cosa vuol dire pericolosa e contundente, ma non tagliente ? Mettete un bel martello sul cruscotto dell’auto ma auguratevi che non vi fermino le forze dell’ordine. !

  5. Leggendo certi commenti qui sotto mi sono cadute le palle…
    @MARTELLO: le armi hanno lo scopo di ferire, le armi improprie sono tutti quegli oggetti che possono essere usati come armi, ma la cui funzione principale è un altra. Se tieni il martello sul cruscotto e stai andando o tornando dal lavoro le forze dell’ordine non possono dirti niente, allo stesso modo, un pugnale senza lama è considerato ornamentale.
    @mvb: la comunità sikh bresciana l’anno scorso ha fatto una petizione per liberare i marò.
    @Chi ha visto di: non ho capito il senso del tuo messaggio, ma indù vuol dire di religione indù…i sikh sono di religione sikh.
    @Rob59: 2015-70=1945 bei tempi quelli del duce vero? Peccato che non ci fossi neanche tu…comunque in altri paesi i sikh possono portare il kirpan.
    @gardone: loro il coltello senza lama, tu la beretta a salve…entrambe sono armi contundenti.
    I sikh sono sempre stati molto rispettosi della legge italiana e sono una comunità pacifica e di grandi lavoratori, chi li accosta ai jihadisti dimostra solamente la propria ignoranza.
    Non sono qui a difendere il diritto dei sikh di portare il kirpan…ma se vogliamo discutere della cosa non possiamo partire da una base di completa ignoranza sull’argomento, se non sapete niente su qualcosa, evitate di commentare. Adesso vado a cercare i miei testicoli…chissà dove sono rotolati…

  6. In Italia esistono delle leggi e non me ne frega un beato cxxxx se i tuoi amici sikh sono pacifici. Vuoi vivere in Italia? ADEGUATI ALLE SUE LEGGI. SII TU A CAMBIARE E NON NOI LE NOSTRE LEGGI. e chi scrive é rosso nell’anima. Ma adesso piantatela di spaccare le OO!!!!

  7. Nessun accostamento tra Sikh e Jihadisti, ma semplicemente la presa d’atto che se in una giurisprudenza come quella italiana già fatta di migliaia di leggi e leggine dobbiamo pure cominciare a reinterpretare o derogare in base alle richieste specifiche delle diverse comunità etniche e eligiose presenti sul territorio, siamo al delirio finale. Ah, forse è già da un po’ che siamo al delirio…

  8. @@Evirato: cosa non ti è chiaro nella mia frase "Non sono qui a difendere il diritto dei sikh di portare il kirpan…ma se vogliamo discutere della cosa non possiamo partire da una base di completa ignoranza sull’argomento"? @Stradivaris: hai ragione, infatti io parlavo di ragionare sulla cosa, cosa che qui molti non hanno fatto.

  9. Evita di fare la verginella che voleva solo ragionare sui fatti. Non ti sei presentato in questo modo, ma con arroganza e supponenza. Io sono disposto a parlare con chi di presenta in modo DIVERSO DAL TUO PRIMO COMMENTO, QUINDI EVITA! Grazie. Non devo ragionare con chi vuole andare in giro con i coltelli sacri attaccati alla cintola, seppure senza lama affilata. CHIUSO LARGOMENTO. se vogliono girare alla maniera di sandokan lo facciano a CASA LORO.

  10. Integrazione vuol dire che chi viene nel nostro paese DEVE integrarsi accettando le nostre leggi , regole e non il contrario !! Non dobbiamo noi integrarci ma loro accettando tutto quello che il nostro paese può dare a loro !! Non dobbiamo noi cambiare ma loro accettare !! Nessuno li obbliga a rimanere in Italia !!!! Qui non è permesso portare addosso alcun coltello affilato o meno.Se vogliono dopo aver chiesto in questura il certificato di possesso d'armi , lo devono tenere a casa !!! La legge italiana è' questa .PUNTO .NON POSSONO TENERLO IN CASA SE NON HANNO OTTENUTO DALLA QUESTURA IL CERTIFICATO DI DETENZIONE !!!!!!Quanti l'avranno ???????

  11. sarà molto probabile che il pugnale rituale gli verrà concesso di indossarlo, ma di plastica, di piccole dimensioni, senza lama e senza punta. se è, come è, solo un oggetto simbolico di natura religiosa, basterà, altrimenti rispetteranno le limitazioni di legge, come tutti. peraltro l’Italia non è certo il luogo dove usarlo per ‘difendere’ la loro religione! i sikh sono l’ultimo dei nostri problemi.

  12. te invece scorreggi di prima mattina a buon ora………il mattino ha l’oro in bocca…..nel tuo caso però non è oro……….hahaha

  13. Il kirpan verrà tollerato in qualche paese ma sicuramente dove le leggi proteggono il cittadino !!!Dove c'è la certezza della pena, dove le leggi sono più severe,dove un clandestino viene rimpatriato dove , dove , dove …….Ma in Italia si aggiungerebbe un pericolo ad altre centinaia !!!! E non mi sembra certo il caso !!!!!'

  14. buongiorno in riferimento alla notizia riportata dal giornale Bresciaoggi del 27 febbraio 2015 il coltello presentato a Brescia,il "surrogato del coltello"pur mantenendo le caratteristiche etnico-morfologiche della lama rappresentante il culto di cui trattasi,risponde altresì alle caratteristiche richieste in merito alla non pericolasità del manufatto,in quanto realizzato con materiali e specifiche atte a soddisfare le normative vigenti in tema di armi bianche.Infatti il prodotto di cui trattasi è stato realizzato con materiali atti ad essere totalmente innoqui sia per una presunta,impossibile ,affilatura e per la duttilità della lega di cui è composto il prodotto.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome