Sabbio Chiese, bar vieta ingresso ai marocchini: solo quelli maleducati

    0

    Chi si lamenta della situazione parla apertamente di discriminazione e razzismo, mentre chi si difende dall’accusa tira in ballo solo la maleducazione. Ciò che sta succedendo nel bar «Malpensàa» di Sabbio Chiese finirà col far parlare anche fuori dai confini del comune valsabbino, dove da anni la presenza degli immigrati è molto numerosa.

    La notizia è riportata stamane sulle colonne del quotidiano Bresciaoggi. Alcuni immigrati marocchini non sono stati serviti dalle bariste del bar e sono stati costretti ad uscire dal locale senza caffè. I gestori del bar, sempre frequentato da stranieri, si difendono parlando di episodio limitato a un solo gruppo di immigrati: «Gli stranieri sono sempre stati trattati bene, ma di recente più volte ci hanno mancato di rispetto. Vengono qui, portano le loro carte da gioco, patatine, pop corn, bibite e fanno festa. Allora abbiamo discusso, fino a decidere di non servirli. Ma al di là di questo gruppo, altri marocchini continuano a venire, così come rumeni o albanesi. E tutti vengono serviti nel rispetto e nella simpatia».

    Diversa la campana dei clienti marocchini che denunciano la situazione, che parlano sempre sulle colonne di Bresciaoggi: «Entriamo e ordiniamo il caffè ma non ce lo portano. Eppure abito a Sabbio da più di 10 anni e sono ormai cittadino italiano, con famiglia e lavoro da queste parti. Non capisco, non abbiamo fatto nulla di male. Nel mio caso ho portato lì degli amici che erano venuti a trovarmi e ci sono rimasto molto male nel vedere che, trascorso un quarto d´ora, nessuno prendeva le ordinazioni. In ogni caso, anche se arrabbiati, ci siamo alzati e siamo andati via. Non siamo tutti uguali, anche tra noi c´è chi si comporta male e siamo i primi a vigilare perché queste cose non accadano. Ma le discriminazioni verso chi non ha fatto niente e se beve un caffè lo paga, non le capisco».

    Il cliente marocchino prosegue: «Se un arabo, magari ubriaco, si è comportato male, niente più caffè né altro agli arabi. Ma allora, se un italiano ubriaco si comporta male la barista che fa, non serve più gli italiani? O se a far danni è un operaio, non serve più gli operai? Di bar a Sabbio ce ne sono tanti, non abbiamo certo bisogno di tornare lì. Ma ci sembrava giusto segnalare questa discriminazione». 
    (Red.)

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Non credo alla versione del marocchino… Se questo bar è frequentato da tanti immigrati perché dovrebbero discriminare proprio lui? Qualche cosa avrà detto o fatto da niente nasce niente !!!

    2. seee…non credo ad una sola parola del maroc…non credo che il barista desideri vendere meno caffè e fare meno incassi……, giusto che applichi i divieti che preferisce per salvaguardare il bar e gli altri avventori —- non devi bere la birra maroc, te lo vieta la tua religione….seeeee. ..a baita a fare il ramadan anticipato

    3. Basta servire chi si comporta male. Da oggi, quindi, nessun Padano dovrà più essere servito in un locale di Roma. Perché? Perché i Padani hanno devastato la città imbrattandola di adesivi pubblicitari della loro pagliacciata prevista per domani a Piazza del Popolo, insieme ai fascisti del terzo millennio (sic). Hanno lordato di tutto: pali, muri, monumenti, cabine telefoniche, attrezzature del bike-sharing e persino oscurato la segnaletica stradale e turistica.

    4. bene: quanto parti per ripulire tutto? PS. già che ci sei, ripulisci i muri di tutta italia dalle scritte dei tuoi amici "antagonisti"… ciciarù!

    5. Il solito caso creato sul nulla: il bar non vieta l’ingresso "ai marocchini", ma si limita a non servire alcuni clienti maleducati. "Altri marocchini continuano a venire, così come rumeni o albanesi": mi spiegate dove sarebbe il razzismo?

    6. E perché dovrei pulire? Mica li ho appiccicati io gli adesivi. Comunque visto che per ripulire si useranno i soldi delle tasse, volente o nolente contribuirò anch’io. E chi ti ha detto che gli "antagonisti" sono amici miei? Certo, devo ammettere che quelli, almeno, non strillano "legalità" ogni momento per poi fare come i leghisti che, dalle Alpi alla Tanzania, ne combinano di cotte e di crude… Chi sarà il ciciarù? Chi la legalità la pretende da tutti e sempre o chi, appunto, ciciara ciciara ma intanto fa come gli pare?

    7. e ti spiego anche il perché: si sta parlando di Sabbio Chiese e di un problema prettamente locale, e tu che fai? tiri fuori la Lega e la manifestazione di Roma, buttandola subito sul piano politico. questo è fare il ciciarù!

    8. I residenti bresciani di Sabbio Chiese sono tutti educatissimi ? Parlano esclusivamente in perfetto italiano ? Non dicono mai neanche una venale parola di troppo ? Non gettano MAI un mozzicone per terra ? Non gli scappa mai un buon bicchiere di troppo ? Dicono sempre buongiorno, per piacere, grazie ecc… Andrò a controllare.

    9. Non credo piu’ a niente di cio’ che dice ste gente…se sono qua e non stan bene che se ne vadano…questa e’ ITALIA!!!!…..non ero razzista…mi han fatto diventare!!!..e se i sinistroidi non son daccordo che se li tengano loro in casa!!!

    LEAVE A REPLY