Denunce per stupro in crescita nel 2014: più di una al giorno nel Bresciano

0

Con 515 denunce per stupro nel 2014 contro le 498 del 2013 cresce l’allarme violenza contro le donne nelle province di Brescia, Bergamo, Cremona e Mantova. A dirlo sono i dati diffusi dalla Corte d’Appello di Brescia. Dati inquietanti che testimoniano una media di oltre una denuncia al giorno per stupro.

Altro dato preoccupate che emerge è l’età delle vittime e quella dei denunciati: il 7 per cento delle prime aveva meno di 14 anni, mentre l’8 per cento dei secondi era minorenne, quindi affidati al Tribunale dei Minori. Tra le denunce anche otto violenze sessuali di gruppo.

Calano, seppur di poco, invece le denunce per stalking. Nel 2014 sono state 717, 19 in meno rispetto al 2013.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Se consideriamo che la maggior parte delle donne stuprate non denuncia perchè la violenza arriva da famigliari o amici vi rendete conto di cosa stiamo parlando? di una marea di uomini di m…

  2. vorrei tanto yun giorno trovarmi faccia a faccia con uno di questi 515. E’ la spiegazione che mi manca, ma chi siete per decidere del futuro di una donna????

  3. ..che la maggior parte degli stupratori sono italiani. Basta con la storia italiani=bravi, stranieri=deliquenti . Gli stupratori hanno una sola razza: quella bastarda !

  4. Tutti ipocriti . Quando qualcuno propone castrazione chimica o altro i catto comunisti ( al governo voluti da molti ) e ipocriti di sx come mai non votano ???? Come mai la sx non vota per la liberalizzazione delle armi per difesa personale ??? Poi piangete. Quando la gente scrive che sta con Stacchio per difendersi da soli dove sono i catto comunisti radical chic ???? Ripeto : ipocriti

  5. Non ho capito: vuoi che si spari sugli stupratori? vuoi castrarli? quando? appena scatta la denuncia, alla condanna di primo grado, a quella definitiva? Castrazione chirurgica oppure chimica? Lo sai che quella chimica si aggira facilmente? Facile spararle grosse.

  6. Ci vuole una rivoluzione culturale, contro un certo modo di concepire i rapporti tra uomini e donne: la donna non é un oggetto, ma appartiene a nessuno se non a se stessa. Fin tanto he i maschi non capiscono questo concetto, ci sarà sempre qualcuno che cercherà di affermare il possesso ed il dominio.

  7. Parlo di porto d armi per legittima difesa e nel caso di una donna aggredita da un uomo la manifesta inferiorità è' palese , oltre al fatto che se così fosse per esempio il tassista intervenuto solo pochi giorni fa salvando una donna in via Milano da un altro animale subuomo egiziano avrebbe potuto sparare . Quindi si , le donne DEVONO poter sparare contro stupratori e company.
    Spero di aver chiarito

  8. Parlo di porto d armi per legittima difesa e nel caso di una donna aggredita da un uomo la manifesta inferiorità è' palese , oltre al fatto che se così fosse per esempio il tassista intervenuto solo pochi giorni fa salvando una donna in via Milano da un altro animale subuomo egiziano avrebbe potuto sparare . Quindi si , le donne DEVONO poter sparare contro stupratori e company.
    Spero di aver chiarito

  9. Armi? No grazie. Non vorresti mai che ti chiamino dalla scuola di tuo figlio perché il suo compagno di classe gli ha sparato

  10. @marco ma ho per caso scritto di distribuire armi nelle scuole ?? A un bambino non serve la pistola per fare una cazzata , prende un coltello da casa come purtroppo la cronaca sempre più spesso racconta. Non banalizzare

LEAVE A REPLY