Tragico schianto in galleria, all’origine del dramma un sorpasso indebito

7

Sarebbe stato un sorpasso indebito a causare il terribile incidente nella galleria della statale 42 in zona Breno, che ha visto due vite umane spezzate e dieci feriti. L’Audi di Fabio De Filippi, 47enne di San Zeno Naviglio e una delle vittime, si è scontrata frontalmente con il camion che per l’impatto ha perso il carico. Questo ha scatenato una serie di situazioni a catena che hanno generato il dramma. Il camion ha sbattuto contro le pareti della galleria, investendo cinque auto e il furgone su cui viaggiava la seconda vittima, Luisella Mariotti, 44 anni di Malonno. Dieci i feriti tra i quali, due bambini di 3 e 5 anni, un 12enne ancora in condizioni gravissime e la madre 41enne.  La statale 42 è stata riaperta in tarda serata – l’incidente è avvenuto alle – 14 dopo un lungo lavoro dei Vigili del Fuoco di Darfo.

Comments

comments

7 Commenti

  1. Solito pirla italiota che sorpassa dove non si può, non tiene i limiti, sta attaccato all’auto davanti, ecc. ecc. E mai un controllo, mai una multa, mai una telecamera. Che paese incivile, non merita la democrazia. Chissà quante volte avrà fatto la stessa cosa, almeno stavolta ci è restato e ha pagato, peccato per gli altri coinvolti.

  2. Invece di fare agguati e stangare chi non rispetta i 50 kmh in tratti dove si viaggia in tutta sicurezza a 80, si potrebbero installare sistemi di controllo della velocità nelle gallerie e invece di buttare montagne di soldi riempiendo le città di telecamere per spiare i cittadini in ogni strada, si potrebbero mettere telecamere nelle gallerie per riprendere e sanzionare pesantemente i sorpassatori: questa sarebbe "sicurezza"!

  3. @Idea
    La medaglia Italietta ha sempre molte facce simili.
    Da un lato la cosiddetta "gente" che vede ogni limite e imposizione come arbitraria e ingiusta.
    Dall’altr o i cosiddetti "amministratori" che non hanno competenza per valutare come disciplinare la sicurezza. Poi ci sono le cosiddette "forze dell’ordine" che si limitano ai controlli fiscali, ma mai fare seria prevenzione e repressione. Poi … si potrebbe continuare.
    D’altra parte la botte dà il vino che ha.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome