Albero della Vita: la chioma è stata issata. Soddisfazione per le imprese bresciane

0

Tutto è iniziato il 23 dicembre: in poco più di due mesi la parte più delicata e difficile del progetto è stata portata a termine, e alle ore 12 di ieri la chioma dell’Albero della Vita era issata sul tronco, all’altezza di 36 metri da terra.

Alla presenza dell’ingegner Alessandro Gasparini e dell’architetto Gianfranco Camadini di "Gap Progetti", lo studio bresciano che sta seguendo da vicino tutta l’operazione, e anche di molte delle 18 imprese che lavorano per realizzare l’albero, ieri mattina nell’enorme cantiere a Rho Pero tutti sono stati col fiato sospeso dalle 10 a mezzogiorno. La fase di salita della chioma dell’albero, dal peso di 800 quintali, è stata lunga e lenta (solo circa 20 centimetri al minuto), ma alla fine tutto è filato liscio, è scattato l’applauso e la tensione si è stemperata. I prossimi passaggi saranno il completamento dell’allestimento e il collaudo, dal 1° al 4 aprile, poi la preparazione degli effetti speciali che renderanno l’albero una macchina scenica.

Grande la soddisfazione per il pool di imprese bresciane, e grande anche l’orgoglio nel ricevere i complimenti da parte di quanto stanno lavorando per far sì che a maggio tutto sia pronto. Il commento di Diana Bracco, commissario di Padiglione Italia, riportato stamane sulle colonne di Bresciaoggi: «Quando i bresciani dicono una cosa poi la fanno. Li ammiro molto per la determinazione, la precisione e l’impegno. Non è semplice mettere insieme tante imprese su un unico progetto. E’ una vera dimostrazione di cosa vuol dire lavorare come sistema che è quello di cui poi l’Italia ha bisogno».
(Red.)

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome