Profughi, la Lega boccia il protocollo della Micro accoglienza diffusa

8

Il segretario provinciale della Lega Nord di Brescia Paolo Formentini e il deputato bresciano del Carroccio Stefano Borghesi sono intervenuti per commentare i contenuti dell’accordo territoriale sulla “micro accoglienza diffusa” siglato ieri negli uffici della Provincia di Brescia.

“Prendiamo atto di come la priorità per la Provincia di Brescia e per alcuni amministratori locali sia quella di affannarsi a trovare strutture e risorse per accogliere altri immigrati clandestini. La Lega Nord è fermamente contraria a questo protocollo. Se ci sono delle risorse, si devono utilizzare per aiutare coloro che in prima persona stanno pagando le conseguenze economiche e sociali di questa crisi: disoccupati, cassintegrati, esodati e pensionati. Non possiamo pensare di mantenere in albergo tutti coloro che arrivano sul nostro territorio da un giorno con l’altro” ha dichiarato Paolo Formentini.

“Secondo i dati forniti dal Viminale, su un totale di 170.000 immigrati arrivati in Italia nel corso del 2014, i richiedenti asilo sono stati circa 65.000. Solo 3.649 sono stati poi riconosciuti come rifugiati, su 36.330 richieste analizzate. Questo significa che anche tra i richiedenti asilo, 9 su 10 risultano in ultima istanza clandestini. – ha aggiunto il deputato Stefano Borghesi – Noto con dispiacere come anche Forza Italia, che governa in Provincia insieme al Pd, sposi la linea Renzi-Alfano in materia di immigrazione. Non vorrei che si dovesse arrivare allo scontro sociale per far capire  a tutti ciò che la Lega dice da tempo: il nostro territorio non è in grado sopportare altri arrivi e altre bocche da sfamare”.

Comments

comments

8 Commenti

  1. E basta…..tutti lo sanno oramai che siamo affondati , continuiamo a fare entrare loro e non torneremo più a galla…..prima risolviamo le storie con immigrati che già occupano le nostre case e mandiamoli via , poi torniamo a galla noi e basta…….

  2. paese senza attributi , governo senza attributi , esercito senza attributi….siamo un paese di spallati !
    finchè faremo da tassisti del mare non ce ne usciamo , quelli che parlano di solidarietà , accoglienza , d’accordo , MA A CASA LORO BISOGNA FARLO , NON STANDOSENE SULLA POLTRONA DI CASA A GIUDICARE E BASTA !
    BISOGNA FARLO A CASA LORO NON IN ITALIA , SE NO TRA POCO VENIAMO INGOIATI DALL’ AFRICA INTERA .

  3. A proposito di accoglienza diffusa,perchè non parliamo anche della benevola accoglienza, qualcuno dice sospetta,che avevano i ricorsi per delle multe da pagare,prima quelle della ministra all’istruzione bresciana e poi quelle del figlio di un pezzo grosso di Lumezzane,eppure la notizia è su qualche giornale,ma sui nostri, nessuno ne parla…COME MAI?!?!?

  4. Certo carissimo utente "camuno" parliamo di questo malaffare….ma visto l’argomento fratellimigranti, perchè non parliamo delle documentazioni false e dell’indagine in corso sui permessi di soggiorno facili???sarebbe interessantissimo anche quest’argomento…

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome