Truffa nel commercio di automobili ai danni dello Stato: arresti nel Bresciano

0

La Guardia di Finanza, con il supporto della Polizia di Vicenza, è riuscita a sgominare una banda di quindici persone dedita al commercio illegale di auto. Tra le ordinanze di custodia cautelare emesse dalla magistratura trevigiana, qualcuna è arrivata anche nel Bresciano.

La banda operava sia in Italia che all’estero e aveva creato un sistema per non pagare l’imposta sul valore aggiunto derivante dall’immatricolazione nazionale delle auto. Come? Usavano bolle doganali alterate e timbri falsi dell’Agenzia delle Dogane, oltre a false certificazioni dell’avvenuto pagamento dei diritti di confine e dell’Iva per oltre un milione di euro. Otto i provvedimenti restrittivi imposti dalla magistratura e sequestro di beni mobili e immobili per un milione di euro.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome