Veterinario bresciano denunciato perché taglia le orecchie ai cani

0

Per 350 euro – secondo gli accusatori – scriveva un finto certificato medico e tagliava le orecchie ai cani. Grazie a un servizio di Striscia la notizia, curato dal solito Edoardo Stoppa, un veterinario bresciano è stato denunciato all’autorità giudiziaria per le ipotesi di reato di maltrattamento di animali e di false attestazioni, e la sua strumentazione è stata posta sotto sequestro. 

La pratica è espressamente vietata dalla legge, ma ancora oggi purtroppo sono frequenti gli interventi effettuati da chirurghi veterinari per tagliare o modificare le orecchie dei cani. Giunto a notizia dell’attività del medico bresciano, famoso in tutta Italia, Edoardo Stoppa (qui alcuni suoi servizi) ha preso un appuntamento in incognito per un esemplare di dobermann. Arrivato il giorno dell’intervento si è recato nello studio del medico, gli ha consegnato il cane e solo quando tutto era pronto per l’operazione sono entrati in scena agenti della Polizia e guardie ecozoofile dellAssociazione nazionale protezione animali. 

Nei controlli sarebbe emerso che il veterinario per avere una giustificazione all’intervento aveva redatto un certificato per una finta malattia alle orecchie del dobermann. 
(Red.)

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Ma scusate fino a poco tempo fa era legale, anzi era di moda, allora i cari allevatori non si preoccupavano degli animali. Perchè non se la prendono con chi veramente maltratta per gioco le povere bestie o le sevizia o abbandona per la strada.chissà perchè questi la fanno sempre franca , ma se c’è di mezzo Striscia la Notizia allora ….. solo per fare audience…

  2. Certo che BS sembra il paradiso di certi veterinari, tra il caso del cane maltrattato LEA, che ha coinvolto il capo dei veterinari di BS che è anche capo di quelli nazionali e quello che scrive questo dottor Massimo Pelizza in centopercentoanimali sti.mobi (se cercate il suo nome)che dice di essere presidente dell’Ordine… non ci deve essere tanto ordine.

LEAVE A REPLY