La picchio quando voglio, è mia moglie: arrestato 41enne egiziano

0

Erano solo le cinque del mattino, ma già aveva picchiato la moglie, rea di averlo svegliato mentre si alzava per andare al lavoro. La speranza è che tutto sia finito con l’arresto del violento e con il trasferimento di moglie e due figli in una struttura protetta.

 

Domenica mattina un vicino di casa di una coppia di immigrati residenti nella zona a nord della galleria Tito Speri in città ha chiamato la Polizia a causa dell’ennesima lite scoppiata nell’appartamento a fianco del suo. All’arrivo degli agenti – la vicenda è raccontata sulle colonne di Bresciaoggi – è stato l’egiziano 41enne ad aprire la porta, invitandoli a rimanere fuori: “Qui non entrate. E’ casa mia”. Ma il peggio non era ancora arrivato: una volta dentro, gli agenti hanno liberato, dalla stanza in cui si era rinchiusa, la moglie dell’uomo, una donna di origine lituana di 32 anni. Quando i poliziotti hanno visto i segni delle percosse subite, l’egiziano si è giustificato dicendo “E’ mia moglie e la picchio quando voglio”.

Portato in Questura, l’uomo è stato arrestato, e ieri rilasciato, per maltrattamenti. Nel frattempo la donna, dopo una visita in ospedale, dove sono state riscontrate diverse ferite pregresse, si era trasferita nella struttura protetta con i figli di 8 e 4 anni.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. si alzava per andare al lavoro. Ho capito bene? LEI andava al lavoro e lui dormiva. BRAVO l’egizio.
    Se tanto mi da tanto le piramidi mica le hanno costruite loro!

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome