Anche Sel scende in piazza per i permessi di soggiorno ed il diritto a manifestare

0
Bsnews whatsapp

Sinistra Ecologia Libertà di Brescia annuncia la sua adesione alla manifestazione di sabato 28 marzo a Brescia per i permessi di soggiorno ed il diritto a manifestare, "per denunciare – scrive in una nota – l’anomalia della realtà bresciana legata alla sanatoria e per rivendicare il diritto a manifestare liberamente senza assurdi divieti, Sinistra Ecologia Libertà aderisce alla manifestazione di sabato 28 marzo ed invita tutte e tutti a partecipare insieme ai migranti ed alle associazioni antirazziste".

DI SEGUITO IL COMUNICATO INTEGRALE

In questi giorni il centro di Brescia sta vivendo una situazione surreale. Da una parte le proteste organizzate da migranti ed associazioni (Diritti per Tutti, Coordinamento Immigrati CGIL, ed altre realtà varie) e dall’altra la militarizzazione della città voluta dalla questura.

Relegando la questione ad un problema di ordine pubblico, con il divieto di manifestare in Piazza della Loggia in occasione della manifestazione di sabato 21 marzo, ed un atteggiamento repressivo che ha avuto l’apice in occasione delle immotivate cariche delle forze dell’ordine di lunedì 23 – con tre persone ferite e 4 fermate -, si rischia di perdere di vista le motivazioni che hanno spinto i migranti a protestare.

Una situazione, potenzialmente incendiaria, che ha visto il gruppo consiliare “Al lavoro con Brescia”, in particolare con l’assessore Marco Fenaroli, impegnato nel fare da ponte tra le legittime richieste dei manifestanti, l’Amministrazione Comunale e la Questura.

In provincia di Brescia sta emergendo un’anomala e preoccupante situazione relativa alla gestione delle pratiche inerenti la sanatoria 2012 per la regolarizzazione dei lavoratori migranti in stato di clandestinità. Ad ora sono state respinte circa l’80% delle domande di sanatoria a fronte di una media nazionale del 20%.

La Prefettura di Brescia ha deciso di applicare la legge in modo assolutamente restrittivo, con una sistematica operazione inquisitoria che ha visto la convocazione dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno presentato domanda di emersione da parte di carabinieri, Polizia Locale e Provinciale e dell’Ispettorato del Lavoro ed una tempistica per dimostrare la presenza in Italia di soli 6 mesi, nettamente inferiore rispetto a quanto avvenuto nelle altre province.

A questa gestione anomala relativa alla sanatoria 2012 si aggiunge la situazione dei permessi di soggiorno.

La Questura di Brescia infatti, sta respingendo migliaia di domande di rinnovo. Il permesso di soggiorno di un anno per attesa occupazione non viene quasi mai concesso perché la Questura impiega mediamente più di un anno a rinnovare il permesso di soggiorno (quando la stessa legge Bossi-Fini stabilisce un termine massimo di 60 giorni) e quindi il tempo per cercare lavoro viene “consumato” nell’attesa del rinnovo riducendo enormemente le possibilità di trovare una nuova occupazione.

Per denunciare l’anomalia della realtà bresciana legata alla sanatoria e per rivendicare il diritto a manifestare liberamente senza assurdi divieti, Sinistra Ecologia Libertà aderisce alla manifestazione di sabato 28 marzo ed invita tutte e tutti a partecipare insieme ai migranti ed alle associazioni antirazziste.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Ahahahahahahahahahah ahahah, al circo sareste fantastici, almeno lavorereste onestamente senza rubare i soldi (pubblici) agli italiani! VERGOGNA!

  2. Ma i cittadini bresciani chi li protegge?I poveri manifestanti hanno tirato sassi persino ai pulmini con le persone a bordo.Come mai mettete sempre in forse l'operato della questura?Se respingono le domande secondo voi lo fanno per sport?

  3. Ci manca va tanto, tanto ,tanto SEL , ovvero quei 4 gatti che non sono corsi sotto le gonne del PD….Ahhhhh,ahhhhh, ahhhhh suvvia dateVi all’ippica…l’unica cosa che Vi manca ….

RISPONDI